Temptation Island: attentato all’Enardu, trovato il colpevole

10/04/2021

Serena Enardu è una delle ex concorrenti di Temptation Island; dopo la sua partecipazione al relity delle coppie con Pago, cantante pop, la donna ha iniziato ad avere un ottimo seguito su Instagram. Dopo la popolarità è arrivato anche un evento traumatico che l’ha coinvolta per ben due volte ma, per fortuna, dopo diversi mesi è arrivata una notizia che la sarda aspettava da tempo.

Serena-Enardu-1140×641

Serena Enardu è un’ex concorrente di diversi programmi televisivi: da Uomini e Donne a Temptation Island, la donna ha avuto modo di farsi conoscere ed essere molto seguita sui canali social.

Soprattutto su Instagram la donna intrattiene un rapporto molto sincero con i suoi seguaci, raccontando tutto quello che riguarda la sua vita; nel corso di dicembre la sua auto, per la seconda volta, era stata incendiata sotto casa sua.

L’evento l’aveva traumatizzata ma ci aveva tenuto a rassicurare i suoi fan sul suo stato d’animo e soprattutto di salute; per fortuna, a distanza di mesi, è arrivata una notizia che aspettava tempo.


Leggi anche: Uomini e donne, Pago rompe il silenzio: cosa ho scoperto su Serena

Trovato il colpevole dell’atto vandalico

enardu auto

Un atto che avrebbe traumatizzato chiunque ma, con un atto di forza d’animo considerevole, Serena ha tranquillizzato i suoi fan sul suo stato d’animo diverse volte.

A distanza di mesi, nei quali gli agenti di polizia avevano indagato per diverso tempo sul colpevole, Serena può tirare un sospiro di sollievo: il colpevole è stato identificato!

Una chiamata dal suo avvocato ha reso questo fine settimana d’Aprile decisamente migliore per la sarda che, dopo mesi di terrore e paura che un atto del genere capitasse di nuovo, può pensare finalmente di voltare pagina.

La donna infatti vive con suo figlio Tommaso e l’apprensione era rivolta soprattutto a lui. Facciamo un grande augurio a Serena per questa splendida notizia, sperando anche che la legge prenda le giuste misure a riguardo.

 

 

Vito Girelli
Suggerisci una modifica