Teo Teocoli: con Celentano un’amicizia tormentata

06/03/2020

L’attore, comico e imitatore è intervenuto nella trasmissione di Rai Radio2 I Lunatici, parlando del suo passato, degli inizi della carriera, dell’amicizia con il cantante della via Gluck e dei comici di oggi. 

Teo Teocoli

Comico, imitatore e personaggio televisivo molto popolare, noto fin dagli anni Settanta per le sue esperienze in teatro e sul grande schermo, Antonio Teocoli, conosciuto dai più come Teo, è nato a Taranto il 25 Febbraio 1945. Quando aveva 5 anni i genitori si sono trasferiti a Milano, ed è lì che è cresciuto.

Intervenendo telefonicamente ai microfoni de I Lunatici su Rai Radio 2, Teocoli ha passato in rassegna alcuni momenti significativi della sua carriera. Ha detto il comico: «Ho compiuto pochi giorni fa 75 anni (il 25 febbraio, ndr), diciamo che 60 li ho passati di notte. Prima come cantante, poi al Derby di Milano, dove finivamo alle due di notte e poi si andava sui Navigli a sentire il jazz».


Leggi anche: Adrian: Teo Teocoli distrugge Celentano e la Mori

Teo Teocoli: il rapporto con Celentano e le litigate

Teocoli Celentano francamente me ne infischio

Appassionato fan di Adriano Celentano, Teocoli fu scritturato dal Clan del Molleggiato per formare il gruppo Teo e le vittime, con cui gareggia al 15º Festival della Canzone Napoletana nel 1967. Nel 1999 è stato ospite fisso del grande show di Celentano su Rai 1 Francamente me ne infischio.

Teocoli avrebbe dovuto essere presente anche nella discussa serie animata Adrian, ma poi ha dato forfait, come da lui dichiarato in una lunga intervista a Repubblica, per le continue assenze di Celentano sul set, uno staff bloccato senza la presenza de Il Molleggiato e ripensamenti dell’ultima ora sulla sua performance comunicatigli da Claudia Mori, moglie di Adriano Celentano. Alla fine Teocoli aveva concluso: «Sa che sono più bravo di lui a fare Celentano! Io non lo imito, lo sostituisco. A quel punto ho detto proprio basta. Gli voglio bene ma sul lavoro è un disastro». Malgrado le frequenti polemiche a livello professionale tra i due, è innegabile che tra di loro ci sia sempre stata una forte amicizia, anche nei momenti di scontro.

adrian-teo-teocoli-ditrugge-celetano-e-la-mori-celentano-teocoli-adrian

Ecco, infatti, quello che ha commentato Teocoli in radio ai Lunatici sul rapporto tra lui e il Molleggiato: «Nella mia vita di mezzo c’è sempre Celentano. Forse è stato un premio diventare bravo imitando lui. O magari un freno. Quando eravamo giovani eravamo molto simili. Volevano far fare a Celentano una commedia al Sistina di Roma. Lui non ne aveva voglia e suggerì ai produttori di prendere me. Diceva che ero forte e sottolineava che gli assomigliavo. Una volta mi mandò anche al Festival di Napoli».

Ha proseguito Teocoli: «Devo tutto alla somiglianza con Celentano. Poi è nata anche una bella amicizia. Ci conosciamo da sessant’anni. Io lo aspettavo sotto casa, in via Gluck. Lui mi salutava, chiacchieravamo, poi mi diceva di non andare sotto casa sua tutte le sere. Alla fine mi invitò a casa sua, dove abitava la mamma. Vidi che c’era molta povertà. Quello mi ha incoraggiato. Vidi che anche lui era povero come la mia famiglia o come la famiglia dei miei amici».


Potrebbe interessarti: Celentano svela un flirt con la Muti, Naike è una furia

Oltretutto la somiglianza con Celentano ha aiutato non poco Teocoli nei suoi approcci con il genere femminile fin dalla gioventù: «Assomigliavo a Celentano, ed era un pregio. Adriano era come Elvis, se camminava per strada arrivavano tremila persone. Ero un bel ragazzo, spiritoso, cantavo, ballavo bene, utilizzavo tutti questi mezzi. Per questo ho avuto tante avventure», ha detto il comico.

Teocoli: Cesare Maldini e le altre imitazioni famose

Teo Teocoli Cesare Maldini

Negli anni Novanta e Duemila Teo Teocoli è diventato un famoso imitatore e conduttore di programmi delle attuali reti Mediaset, in particolare Drive In, Scherzi a parte e Mai dire gol (1992-95), dove ha lanciato personaggi amatissimi dal pubblico come Felice Caccamo e Peo Pericoli.

Ha affermato Teocoli sulle sue imitazioni: «Non so se qualcuno ci sia mai rimasto male. Sono legato all’imitazione dell’avvocato Prisco ma l’imitazione con maggiore successo fu quella di Cesare Maldini. Ero con Tosatti e Galeazzi in un programma, io avevo preparato una cosa banale. Mi misi a leggere in diretta la formazione dell’Italia come la leggerebbe il Ct Maldini. Venne giù il mondo e imbastimmo Quelli che il calcio, che fece di numeri pazzeschi. È stato il momento più alto della mia carriera. Poi mi stancai un po’, ora ho ricominciato un po’ di televisione, ma ormai sono quasi vent’anni che faccio spettacoli teatrali dal vivo».

Teocoli ha poi rilasciato un commento sul panorama della comicità contemporanea: «È un po’ in ribasso perché tutti i giovani attori e cabarettisti che si affacciano non hanno avuto la fortuna di stare con i più grandi di tutti i tempi».

Teo Teocoli Peo Pericoli

I Lunatici è una trasmissione in onda su Rai Radio 2 in diretta dal lunedì al venerdì dalle 12,30 di notte alle 6 del mattino, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica