Ultimo: un like “complottista” lo condanna

04/06/2020

Ultimo, nome d’arte di Niccolò Moriconi, è diventato in poco tempo uno dei cantautori italiani più apprezzati, soprattutto tra i giovani. Ma un like potrebbe averlo messo in una brutta posizione.

Ultimo: un like lo condanna.

Un tweet che voleva essere ironico rischia di mettere al centro della bufera il povero Niccolò a causa di un tema delicato come quello del Coronavirus!

Like pericolosi di Ultimo

ultimo-ospite-alla-finale-di-x-factor

Non c’è stato bisogno di dire nemmeno una parola, è bastato un mi piace ad un tweet, scritto come commento ad un post del Corriere Della Sera. Il post parlava dell’emergenza sanitaria nata a causa de Covid!

Il tweet di risposta diceva “Sorpresa in generale: non c’è stata alcuna pandemia. E sorpresa sorpresona: invece lo Stato di Emergenza c’è eccome e oggi lo prolungano al 31 gennaio 2021! Dai, ridete con addosso quelle mascherine inutili e dannose, che siete così teneri”


Leggi anche: Il Collegio: Niccolò Robbiano, il “modello” da 500mila follower

Il gesto del cantante è stato considerato superficiale e pericoloso per uno che ha tutto questo seguito e che dovrebbe dare il “buon esempio”. L’hashtag #UltimoIsOverParty è diventato virale in poco tempo! Cosa risponderà Ultimo, che di solito le critiche non le sopporta proprio?

Rabbia a causa del tour?

Schermata-2018-11-03-alle-12.09.24-e1541243463977

In molti hanno attaccato il cantante sul personale, supponendo che il motivo della sua “rabbia” sia dovuto alla frustrazione per il tour cancellato.

“Se tutto questo sconvolgimento deriva dalla cancellazione del suo tour dovrebbe rivedere le sue priorità” oppure “Si capiva dal suo sfogo sul tour che sarebbe saltato che si considerava vittima di un complotto e ora lo conferma” sono solo alcuni dei commenti di risposta alla vicenda!

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter