Un Posto al Sole: chi è Paolo Romano, carriera e vita privata

08/07/2020

Uno dei protagonisti principali delle puntate inedite di “Un Posto al Sole”, dal 13 luglio di nuovo su Rai 3, è il magistrato Eugenio Nicotera, interpretato dall’attore Paolo Romano. Conosciamolo meglio. 

Paolo-Romano-2-scaled

Nelle puntate inedite di “Un Posto al Sole”, dal 13 luglio su Rai 3, uno dei personaggi chiave delle trame sarà il magistrato Eugenio Nicotera, impegnato in una delicata operazione contro la camorra.

Nella soap napoletana a interpretare Nicotera è l’attore Paolo Romano.

Paolo Romano: “Un Posto al Sole” e le altre fiction

Niko Susanna Nicotera Upas

Classe 1970, Paolo Romano è nato in Piemonte, ma si è trasferito a Cantù poco dopo con la famiglia.

Oggi è un attore affermato, ma nella vita ha fatto molti lavori: cameriere, barista, aiuto cuoco, traslocatore, imbianchino, falegname, operaio, P.R nelle discoteche, animatore, stewart, istruttore di tiro con l’arco e modello.


Leggi anche: Un Posto al Sole: chi è Michelangelo Tommaso (Filippo), carriera e vita privata

Tra le sue passioni, come racconta lui stesso sul suo sito, figurano: “correre, ballare il tango argentino, nuotare, andare in bicicletta, il vino rosso, il Toro, giocare a calcio, leggere libri, guardare film (…) esser chiamato papà, dormire abbracciato, l’odore della  pioggia, correre sotto la pioggia, leggere il giornale, la pasta aglio olio e peperoncino, le cose semplici, i treni e il colore rosso”.

eugenio-nicotera-un-posto-al-sole-660×320

Il battesimo televisivo per Romano è arrivato con “Sarò il tuo giudice” dove era protagonista con Franco Castellano e Agnese Nano. Nello stesso periodo faceva anche “Camici Bianchi”, per poi proseguire con partecipazioni a “Il maresciallo Rocca“, “Ho sposato un calciatore“, “La Squadra“, “Tutti i sogni del mondo“, “Il Commissario Manara“, “Ho sposato uno sbirro 2“, “Distretto“, “Don Matteo“, “Fuoriclasse“, “I Cesaroni“, “Provaci ancora Prof” e, per ben tre stagioni, “Incantesimo“.

Al cinema, protagonista di corti e lungo metraggi come “Luna e le altre“, Di Elisabetta Villaggio, “Cuore Sacro” di Ozpetek e altri, si è distinto anche come regista in una docu-fiction che ha vinto il premio Intercultura a Epizephiri film festival 2008.

Molto bella la riflessione che ha scritto sul suo mestiere: “Ci vuole un grande coraggio per essere attori, perché ci vuole un grande coraggio ad andare incontro ad un rifiuto ogni giorno. Immagino la mia vita come un imbuto che da largo diventa sempre più stretto. Dopo essere passato da un buchino piccolo piccolo, mi sono ritrovato su un palco. Non ne sono più sceso”.


Potrebbe interessarti: Un Posto al Sole: il cane Bricca, carriera e vita privata di Giulia (Marina Tagliaferri)

Cristina Damante
  • Autrice
  • Esperta in: Gossip, Serie Tv e Reali d'Inghilterra
  • Laureata in Scienze della Comunicazione
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica