Uomini e Donne, Gemma: Ne porto ancora le cicatrici

15/02/2021

Da cosa sono determinate le cicatrici che Gemma Galgani, dama di punta del Trono Over di Uomini e donne, porta dentro di sé in modo ancora così profondo? Che cosa le è accaduto per avere una ferita che ancora non si rimargina? Lo ha confessato al Magazine del programma di Maria De Filippi.

736D9D4C-C28F-4315-B8B2-BE469E4C2329

Gemma Galgani è l’indiscussa protagonista del Trono Over di Uomini e donne. La dama torinese è nel programma da ormai 11 anni e di storie d’amore ne ha vissute, all’interno della trasmissione, svariate. Ha sempre dimostrato di credere tantissimo nell’amore e nei sentimenti: in ogni storia lei dà tutta se stessa, non si risparmia. Vive tutto al massimo, si affeziona, si lascia andare.

Come dice la sua acerrima nemica, Tina Cipollari, si innamora anche troppo facilmente: “Le basta che uno le dica ciao e lei è subito innamorata“. Questo inevitabilmente l’ha portata a soffrire tantissimo: ultima in ordine di tempo è la relazione andata male con Maurizio Guerci, cavaliere vicentino di cui si era presa proprio un bell’innamoramento.


Leggi anche: Uomini e donne: Gemma lascia Maria De Filippi?

Le cicatrici di Gemma di Uomini e Donne

Gemma-Galgani-3-768×431

Ogni volta che una storia finisce, per lei è una vera mazzata, perché davvero lei ogni volta ci crede e si crea anche tante aspettative, fino ad ora rimaste disattese. Gemma soffre un po’ della sindrome dell’abbandono, quando viene lasciata la ferita che ha dentro torna a sanguinare. Ma che cosa le è accaduto di così scioccante il passato? Un amore folle l’ha delusa a tal punto da aver lasciato i segni nell’anima?

La risposta la data lei in una intervista rilasciata a Uomini e donne magazine, il settimanale ufficiale del dating show di Maria De Filippi: “Patisco molto i distacchi e l’addio di mia madre è stato il momento più doloroso, ne porto ancora le cicatrici”.

Questo, come dicevamo, non le impedisce comunque di vivere le emozioni e i sentimenti al massimo.lei si lascia trasportare, per utilizzare le parole di Federico Moccia, “tre m sopra il cielo”, purtroppo però la caduta, ogni volta, fa sempre più male.

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica