Vittorio Brumotti : “Annachiara Zoppas non può fermarmi…”

25/05/2020

Vittorio Brumotti è un duro. E’ uno che non molla, che non si lascia intimidire dagli spacciatori che ancora una volta hanno provato a fermarlo. “E’ una battaglia persa, nemmeno Annachiara ci riesce…”

Vittorio-Brumotti-aggredito

In un’intervista al Corriere della Sera Vittorio Brumotti confessa che a 40 anni ha ancora “la sindrome di Peter Pan, sono un eterno bimbo che vuole vedere che tutto va bene”. Per questo il campione di bike trail, inviato di Striscia la notizia dal 2008, continua a lottare contro lo spazzio di droga in tutte le piazze d’Italia.

Una battaglia che qualche volta gli è costato qualche giorno di prognosi oltre che minacce e tutto quello che di brutto ci può essere intorno al mondo della droga. Vittorio Brumotti ha già
vissuto un centinaio di volte quello che gli è capitato l’altro giorno a Milano, nel cuore della città, a Porta Venezia, dove stava documentando con la sua bicicletta e le telecamere lo spaccio quotidiano…


Leggi anche: Striscia la notizia: nuove minacce di morte a Brumotti

Brumotti: padre e zio erano carabinieri

vittorio-brumotti (1)

Ma perchè Vittorio Brumotti deve rischiare ogni volta la vita? “Lo faccio per vocazione, come la fede per i preti. Io mi muovo solo quando mi chiamano i cittadini esasperati da situazioni insopportabili”.

Una vocazione ereditata dallo zio oltre che suo padre. “Mio papà è un ex carabiniere, mio zio era un generale dei carabinieri. Il senso delle regole ce l’ho nel sangue. Molti pensano sia un esaltato o un incosciente, ma anche se non andassi in onda farei questo lavoro. Non lo faccio per apparire e non lo faccio nemmeno per soldi.  Il mio motto è andare a riprendersi il territorio dove comandano le mafie. Le mafie vanno ridicolizzate e Striscia ha trovato la chiave ironica giusta, con questo personaggio che va in bicicletta nei luoghi dello spaccio”.

Annachiara è nata in battaglia come me, non può fermarmi…

brumotti zoppas

Un lavoro molto rischioso, quasi come un inviato di guerra che può far preoccupare  suoi genitori ma anche la sua fidanzata Annachiara Zoppas. Ma se i genitori possono essere abituati, visto i lavori del padre e dello zio, non è così per la sua compagna. “Lei è nata in battaglia con me – racconta ancora al Corsera – vede la mia passione. Togliermi tutto questo è come togliermi l’ossigeno”.

Certo “quando prendo le mazzate la prima cosa a cui penso – ammette Brumotti – sono i miei cari, ma sanno che non mi possono fermare: sarebbe una battaglia persa…”.


Potrebbe interessarti: Quarantena, incidenti ai vip:  MaraVenier, Diletta Leotta e Brumotti

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter