Azzurre a Tokyo 2020

Birkin Bag di Hermes: la storia della famosa borsa

Recentemente Chiara Ferragni ha sfoggiato la sua Birkin Bag Nilo Crocodile. Dietro le accuse di ostentazione di opulenza una profonda ignoranza degli haters. Ecco la storia della borsa di Hermes.

3-matte-white-himalaya-niloticus-crocodile-retourne-kelly-32-hermes-1587978627

La Birkin Bag è uno dei modelli di punta della linea di borse Hermes. Questo modello, disponibile in diverse varianti, ha un costo che va dagli 8.000 euro fino alle più costose, intorno ai 100.000/120.000 euro. Il modello Himalaya, o Nilo Crocodile, è considerata una delle borse più costose al mondo. La borsa viene dipinta artigianalmente a mano, impreziosita da 10,23 carati di diamanti.

Il modello Himalaya è diventato uno dei più ricercati, intorno al quale si è sviluppato anche un fenomeno di collezionismo.

1607703188-ferragni-2

Negli ultimi giorni siamo venuti nuovamente a conoscenza di questa borsa e della sua storia grazie a Chiara Ferragni che l’ha indossata per un pomeriggio di Shopping. La borsa nasconde una storia molto interessante che dimostra quanto il prezzo di un accessorio non sia l’unico motivo per renderlo noto.


Leggi anche: Chiara Ferragni: ciabatte da 800 euro e borsa da 14mila euro

In questo caso Chiara ha mostrato ancora una volta di essere non solo una imprenditrice di successo, ma anche una cultrice della moda a tutto tondo.

Birkin Bag: la storia

unnamed

La Birkin Bag prende il nome dall’attrice e giornalista Jane Birkin dopo un suo fortuito incontro con Jean-Louis Dumas in un volo tra Parigi e Londra nel 1984. La Birkin, secondo la storia che ormai si avvicina quasi ad una leggenda del fashion market, aveva fatto cadere la sua borsa in aereo, rovesciando tutto il suo contenuto. Dumas, visto l’accaduto, prese la borsa e la restituì all’attrice con una tasca in più che diventò di default da quel momento.

Dumas decise di creare una linea di borse che fossero più grandi e con diversi scomparti per donne che avevano bisogno di molto spazio. Le Birkin Bags divennero ben presto il simbolo delle mamme, delle donne in carriera, delle donne che non volevano rinunciare allo stile ma che avevano necessità di portare con sé molto materiale.

Ci sono anche altre “leggende” metropolitane sul perché questa borsa abbia preso il nome della Birkin, come una di queste, al limite con il pettegolezzo, che vede la Birkin uscire senza pagare, a causa di un innocuo lapsus, da un negozio do Hermes con una di queste borse in mano nel 1981. 


Potrebbe interessarti: Chiara Ferragni: l’influencer danneggia la madre?

La Birkin Bag nella cultura di massa

P-11-Birkin FBG- BAG 2020

Questo accessorio, dalla qualità manifatturiera elevata, è descritto sul sito ufficiale Hermes in questo modo: “Chi avrebbe immaginato che uno degli oggetti più ambiti delle decadi passate, sarebbe nato in cielo, nel 1984, in un volo tra Parigi e Londra?”. Il sito continua “L’attrice britannica Jane Birkin, seduta accanto Jean-Louis Dumas, direttore esecutivo di Hermes, si stava lamentando della difficoltà nel trovare una borsa abbastanza grande da soddisfare le necessità di una giovane madre”.

Da quel volo, la Birkin Bag è diventato un simbolo di stile che è stato citato numerose volte in serie tv e canzoni. Alcuni esempi sono la canzone di Beyoncè Deja-Vu e da Nicki Minaj nel brano Get On Your Knees. Inoltre la Birkin Bag è nominata in alcune serie come Gossip Girl e nei film di Sex And The City.

Victoria Beckham è nota per essere una collezionista di Birkin Bag, con una collezione dal valore di circa 1.500.000 sterline.

Siete ancora convinti che la Birkin Bag sia una ostentazione del lusso, o avete capito che Chiara Ferragni muove ogni sua mossa con una cognizione di causa da vera intenditrice di moda? Io, al posto vostro, mi informerei meglio prima di lanciare accuse la prossima volta su argomenti molto più grandi di voi!

Vito Girelli
Suggerisci una modifica