Chanel: le iconiche slingback bicolor

Arianna Preciballe
  • Laureata presso il NID - Nuovo Istituto Design

Tra le scarpe più iconiche della storia della moda, ci sono sicuramente quelle bicolore create dalla maison di Rue Cambon. Gabrielle Chanel le definiva “l’ultima frontiera dell’eleganza”; a distanza di anni sono state reinterpretate da moltissime case di moda e proposte in varie declinazioni. Ma come sono nate?

Le slingback sono décolletées con cinturino sul retro della caviglia che grazie a Gabrielle Chanel sono diventate iconiche nel colore bicolor: beige con punta nera.

Sono un classico della moda e anche se si rinnovano stagione dopo stagione, sono un evergreen che ogni donna dovrebbe avere nel proprio armadio.

Nacquero nel 1957 da colei che ha fondato una delle case di moda francesi più importanti del mondo, furono pensate come l’accessorio perfetto per completare il look dal brand reso iconico composto da tubino nero, tailleur orlato di tweed e borsa trapuntata.

Chanel: la storia delle slingback bicolor

Le slingback sono ispirate alle calzature del guardaroba maschile, in cui la scarpa bicolor è da sempre tipica; l’uso dei due colori, in effetti, cambiò radicalmente i dettami che la moda dell’epoca imponeva.

La stampa internazionale aveva rinominato il modello “la nuova scarpina di Cenerentola” e, in effetti, sin da subito la calzatura era stata scelta dalle varie dive, come Brigitte Bardot.

Negli ultimi anni le abbiamo viste ai piedi di diverse icone di stile, attrici e modelle, come Tilda Swinton, Vanessa Paradis e molte altre.

Si esce la mattina in beige e nero, si pranza in beige e nero, si va al cocktail in beige e nero. Si è eleganti da mattina a sera!

diceva la stilista che ha lanciato questo modello di scarpe, che ancora oggi sono amate e imitate.

Grazia Chiuri, per esempio, nel 2017 le riprese per la sua prima collezione marchiata Dior, in cui le slingback presentavano un nastrino in gros-grain logato J’adior.

Negli anni, però, sono stati proposti vari modelli, da quelli in vernice, a quelli con fibbie e decorazioni, per non parlare dei vari tipi di tacco usati e delle tante declinazioni di colore pensate.

La versione di Chanel, però, è ancora una delle più apprezzate. Il beige, infatti, allunga la gamba, la punta nera accorcia il piede e rende meno visibili i segni di usura.