Chanel: salotti letterari in Rue Cambon 31

Dopo l’annuncio di una nuova ambassador del brand, Chanel inaugura dei salotti letterari in una location storicamente fondamentale per il brand; a Rue  Cambon, nel pieno centro parigino, Charlotte Casiraghi intratterrà degli ospiti letterari per disquisire di filosofia, arte e letteratura.

183125957-975a7acd-2a65-4925-90f7-399316f78b6d

Chanel è un brand che esprime arte e stile in un solo nome; l‘Haute Couture negli anni si è evoluta, abituando i suoi seguaci ad uno standard sempre più alto.

Negli anni si sono avvicendate numerose donne dalla bellezza straordinaria per rappresentare il marchio, ma a gennaio 2021 l’annuncio di un cambio di rotta.

Charlotte Casiraghi, nobile della famiglia bavarese, è il nuovo volto che farà le veci di tutti i valori della maison di moda fondata da Mademoiselle Cocò.

I salotti letterari di Charlotte Casiraghi

5dbc2596-f555-41d7-9c51-030dc7ce7c80-alta-libre-aspect-ratio-default-0

Laureata in filosofia, Charlotte è una donna che non possiede alcun titolo nobiliare ufficiale, ma è, a pieno titolo, una principessa agli occhi di moltissimi.


Leggi anche: Aurora Ramazzotti su Chanel Totti: anche lei ne paga ancora le conseguenze

Il suo “charme” ha portato alla scelta di creare dei salotti letterari direttamente in Rue Cambon 31, proprio dove Chanel fondò il suo primo negozio; il brand, prima di diventare il fulcro di uno dei nomi più importanti della moda, era un negozio di cappelli, per poi spostarsi nella stessa via di qualche numero civico (dal numero 21 al 31, appunto).

Molto legata a Karl Lagerfeld, martedì scorso la principessa, ha parlato del suo rapporto con la cultura e quanto sia connessa con Chanel:

“Era l’estate dei miei diciassette anni, nella sua casa di Biarritz. Con Karl, avevamo parlato delle ‘Lettere a un giovane poeta’ di Rilke e rapidamente siamo arrivati a parlare di questa donna incredibile, che non avevo mai letto. Sono andata a dormire e il giorno dopo, davanti alla mia porta, ho trovato un sacco pieno di libri. Tra questi c’era un romanzo di Lou, ‘Jutta’. All’interno Lou racconta la scoperta della sessualità alla fine dell’adolescenza, con una scrittura molto moderna e attraverso un’autofiction in cui si mischiano l’atmosfera di una favola e l’analisi psicoanalitica”

Nei salotti letterari di Parigi non si parla d’altro e presto verrà pubblicato il primo calendario degli ospiti illustri che la ragazza intratterrà in Rue de Cambon.

L’esempio che la moda non è solo merletti e lustrini, ma anche diffusione di messaggi e cultura; con Charlotte Casiraghi il brand ha fatto centro ed in un sol colpo ha la possibilità di avere una donna che può essere indossatrice di giorno e divulgatrice di notte.

Vito Girelli
Suggerisci una modifica