Dolce e Gabbana: Muccino ha copiato la pubblicità per la Calabria?

Il cortometraggio di Muccino creato per la Regione Calabria è finito al centro delle polemiche perché sembra davvero copiato da alcune pubblicità di Dolce & Gabbana!

2020-muccino-dg1

Negli ultimi giorni a Gabriele Muccino era stato commissionato uno spot per pubblicizzare le bellezze della Regione Calabria. Peccato che il breve filmato, costato quasi due milioni di euro, non solo non sia stato accolto positivamente dal pubblico sia anche stato accusato di essere una brutta copia degli spot di Dolce & Gabbana.

Dolce & Gabbana: Muccino li ha copiati?

2020-spot-copia3

Si chiama “Terra mia” ed è un cortometraggio di propaganda commissionato dalla Regione Calabria al regista Gabriele Muccino, e presentato al festival del cinema di Roma, ha davvero deluso le aspettative del pubblico. Come fatto notare da siti, infatti, si tratta di una brutta copia degli spot di Dolce e Gabbana, unito ad una serie di inutili stereotipi.


Leggi anche: Sky, “A casa tutti bene: La serie”: data d’uscita, trama e cast

“Non è solo una montagna dei soliti luoghi comuni sulla nostra terra, non solo non rappresenta la realtà ma è anche la brutta copia degli spot di Dolce e Gabbana.” si legge su “lacnews24.it”.

“Scimmiotta in maniera plateale Giuseppe Tornatore di “Baarìa”, affidandosi alla sdolcinata interpretazione sentimentale di Raoul Bova e Rocìo Munõz. Cose già viste da altre parti, alla maniera di Dolce e Gabbana. Con effusioni artefatte di profumi e sensazioni, da Calabria falsa e patinata.” scrive invece Alessandro Pagliaro su “Pillamaro.it”.

Insomma, circa 3.300 euro al secondo per qualcosa che non è piaciuta né ai Calabresi né al resto d’Italia. E chissà se la famosa casa di moda, sentendosi chiamata in causa, deciderà di intervenire.

L’ultima cosa di cui ha bisogno Muccino, in fondo, è una causa legale!

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica