Gucci incredibile: sold out i collant strappati

Sono stati un paio di collant volutamente strappati da 140 euro la causa di un gran polverone che si è alzato intorno alla maison Gucci. L’idea di Alessandro Michele, però, sembra essere stata vincete: sono stati venduti tutti!

calze-1603820519993.jpg–140-euro-per-un-paio-di-calze-smagliate–ed-e-polemica

Dal 2015 Alessandro Michele è il direttore creativo di Gucci. Da quando è a capo della maison l’eclettico stilista non ha mai smesso di sorprendere con le sue creazioni e, anche stavolta, ci è riuscito. Come? Con un paio di calze volutamente smagliate e strappate che hanno fatto scalpore ma che sono andate sold out in breve tempo.

Ma, in fondo, bene o male l’importante è che se ne parli, no?

Gucci: sold out i collant dello scandalo

calze-gucci-la-polemica-sui-social

Qualche settimana fa il pomo della discordia era stato un paio di jeans dall’aspetto usato, che sembravano essere stati strusciati sull’erba, dal costo di  680 euro. Dalla casa di moda italiana, però, è arrivato un altro capo che ha diviso il pubblico.


Leggi anche: Chiara Ferragni, sold-out le sue tute da 430 euro

Stavolta si stratta un un paio di collant da donna bucati, strappati e smagliati, apparsi sulle passerelle con la pretese di essere di tendenza e con un prezzo per nulla modesto. 14o euro per un paio do calze che, inevitabilmente, hanno scatenato l’ironia del popolo del web, che ha espresso il proprio disappunto con i commenti più divertenti.

Dal “Ce li ho anche io dopo una serata in discoteca” a “Stupida io che ho sempre buttato le calze strappate!”, insomma, i social si sono davvero scatenati. Tutto questo chiacchiericcio intorno al capo, però, ha fatto si che in poco tempo questo particolarissimo paio di calze che ha indignato il web andasse sold out!

Avete capito bene: sono state vendute TUTTE! E ora, ironia della sorte, sono ancora più richieste!

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica