Gucci: l’invito alla sfilata è geniale, un vero rebus

Con la guida di Alessandro Michele la maison fiorentina Gucci continua a sorprendere tutti. L’ultima trovata del direttore creativo è un invito davvero particolare per la prossima sfilata. Si tratta di una sorta di settimana enigmistica la cui risoluzione porterà a scoprire dettagli sullo show digitale “Gucci Aria”.

outpump-gucci-aria

Ancora una volta Alessandro Michele cambia le regole del gioco della moda. Se in passato aveva pensato a timer, libri di antiquariato, maschere di statue elleniche e messaggi vocali su Whatsapp, per invitare stampa e personaggi vicini alla maison agli show Gucci, infatti, stavolta ha deciso di dare vita a qualcosa di ancora più innovativo.

Si tratta di una giornale molto simile a quelli di enigmistica che, però, prende il titolo di “Gucciquiz!”. All’interno ci sono cruciverba, giochi e rompicapi, curati con la collaborazione di Keesing PRS Italia ed il supporto della redazione di Domenica Quiz, che una volta risolti forniranno dettagli sullo show previsto per oggi.


Leggi anche: Uomini e donne: la sfilata di Antonella, Roberta e Valentina M.

Gucci: rebus e cruciverba per scoprire la prossima sfilata

Schermata 2021-04-15 alle 14.17.29

Rebus, quiz, labirinti, cruciverba e sfide di logica. È così che Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, in questi giorni ha coinvolto il pubblico delle sue sfilate.

Il progetto, che è stato pensato come invito di “Aria”, lo show digitale tramite cui verrà presentata la collezione autiunno/inverno 2021, è stato consegnato alla stampa e alla “famiglia” del brand e contiene sfide da risolvere per scoprire tutti i dettagli necessari per partecipare all’evento digitale.

“La libertà di espressione nasce dall’idea che non ci sono al mondo due persone uguali l’una all’altra”.

ha dichiarato il designer.

“Allo stesso modo, non esisteranno due interpretazioni perfettamente identiche di una stessa opera d’arte, che vive senza repliche nella percezione individuale di ognuno. La moda, come forma artistica, diventa allora un gioco: collegare i punti, riempire gli spazi vuoti, trovare l’incastro”.

continua nella nota, che spiega come anche questa nuova trovata faccia parte del rinnovamento che Michele ha cercato di portare in Gucci sin dal suo esordio.

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica