Moda sostenibile: 5 consigli per salvare il pianeta

Il mondo della moda si fa sempre più Green! Le numerose iniziative dei grandi marchi per la salvaguardia del paese sono sempre più e la consapevolezza dei consumatori aumenta allo stesso modo. I social il luogo del confronto.

Equilibrium-HP-21

Da Gucci a Versace, i grandi della moda stanno realizzando l’impossibilità di continuare a sfruttare il paese. L’emergenza mondiale è ormai ad un punto del non ritorno, ma la Moda sta sensibilizzando i suoi consumatori, sempre più consapevoli.

Il report Consciuous Fashion Rerpot del 2020

Lyst-Sustainability-Illustrations-Sneaker-e1585667124985

Lyst, in collaborazione con l’associazione Good On You, ha redatto un report sulla consapevolezza della moda sostenibile. La ricerca è stata condotta seguendo tre temi principali:

  • Parole chiave: il team di lyst afferma che il 2020 ha visto crescere del 37%, rispetto al 2019, di keyword relazionate alla sostenibilità e al fashion market.
  • Categorie di prodotti: di ben 108 & punti percentuale è salita la ricerca di materiali eco-sostenibili da parte degli utenti, come “eco t-shirts”, oppure “gioielli etici”.
  • Materiali: la ricerca di materiali eco e vegani è salita del 69%.

I ricercatori di lyst hanno inoltre nel loro report elencano marchi che hanno appoggiato in pieno la sostenibilità con linee di prodotti altamente sostenibili. Il report è disponibile al link (https://www.lyst.com/data/2020-conscious-fashion-report/)


Leggi anche: Now, “I Luminari – Il destino nelle stelle”: cast e trama

I brand oggi devono ottenere delle certificazioni ufficiali per rientrare sotto l’etichetta “green”, le più famose sono:

  • Gots: Global organic textile standars.
  • Ocs: Organic content standard
  • GRS: Global recycle standard
  • Fsc: Forest stewardship council

Tutte queste certificazioni vengono rilasciate previa conformazione non solo dei prodotti, ma anche dei meccanismi di produzione e dell’intera filiera produttiva.

I consigli per una moda sostenibile ogni giorno

moda-sostenibile
Image by ecoo.it

Dopo la campagna “Wear me 30 times” lanciata da Livia Firth nel 2016 che invitava i consumatori ad indossare un capo almeno 30 volte, ad oggi possiamo dire di avere tutte le informazioni necessarie per essere green nel quotidiano, ecco alcuni semplici consigli:

1) Indossare i capi varie volte: molte volte compriamo qualcosa e lo riutilizziamo pochissime volte. Proviamo ad essere più responsabili negli acquisti

2) Non stirare se non necessario: Stirare è poco amato da molti, e soprattutto inquina! Adesso avete una scusa per evitare di annoiarvi, ehm, inquinare il pianeta!

3) Reinventare vecchi capi: se un cappotto non vi piace più, o una maglietta è scolorita, potete sempre riutilizzare parti dei vostri abiti e indumenti per crearne altri. Non ci vuole un grande stilista per questo, anche la vostra sarta di fiducia saprà benissimo cosa fare

4) Donare gli abiti usati: Donare un abito usato o un indumento che non indossate è un gesto nobile e che salverà il pianeta da un qualcosa che potrebbe finire tranquillamente nel cassonetto.


Potrebbe interessarti: Live Non è la D’Urso, confessione choc di Malgioglio su Serena Grandi

5) Preferire prodotti duraturi: Per duraturo non intendiamo solamente un prodotto molto costoso, ma anche un prodotto dal materiale che non si deteriori facilmente. Aziende come Pataogonia e Gore-tex hanno creato intere politiche aziendali su questo.

Chiedersi più e più volte se stiamo facendo la cosa giusta è un atto di responsabilità verso il nostro pianeta, l’unica cosa che appartiene a tutti ed è responsabilità di tutti! Let’s make it green!

Vito Girelli
Suggerisci una modifica