Patrizia Gucci indignata “Il film sarà un flop!”

Patrizia Gucci, così come tutti i discendenti di Guccio Gucci sono su tutte le furie. Per quale motivo i familiari del fondatore dell’omonima maison sono adirati nei confronti di Ridley Scott? Patrizia ha espresso profonde perplessità riguardo alla validità del film in produzione; “troppi errori sulla nostra famiglia!”.

ladygaga-gucci

In questi giorni Lady Gaga si trova in Italia per le riprese del film sull’omicidio di Guccio Gucci, interpretando Patrizia Reggiani, la mandante dell’assassinio; i famigliari e discendenti di Guccio Gucci, che sarà interpretato da Adam Driver, sono molto indignati per alcune notizie trapelate dal set.

Secondo il progetto originale del film, la narrazione avrebbe dovuto ruotare solamente intorno alla Reggiani e all’omicidio ma, secondo quanto dichiarato da Patrizia Gucci, il film tratterà anche di alcuni Gucci ancora in vita, come suo padre Paolo.

“In famiglia siamo sicuri che il film riporterà errori e inesattezze non attinenti alla verità storica”


Leggi anche: Gucci: la storia di Guccio e del suo marchio

“Io sono l’unica Patrizia Gucci”

patrizia-gucci

A indispettire particolarmente Patrizia Gucci è il “qui pro quo” che la vede spesso scambiata per Patrizia Reggiani la quale, da sposata, ha preso il cognome di famiglia, diventando una sua omonima.

Basta fare una semplice ricerca su Google digitando “Patrizia Gucci” ed i primi risultati sono quelli della Reggiani; la nipote di Guccio Gucci si sente profondamente offesa da questo continuo equivoco:

“La signora Reggiani non può più usare il cognome Gucci per legge, da quando ha divorziato ma invece continua a farlo ledendo il mio diritto all’immagine, il diritto al mio nome”

È la stessa Patrizia a rivelare il motivo alla base dei dubbi sulla attinenza del film in produzione; già nel 2003 Ridley Scott aveva chiesto una liberatoria per girare un film sull’intera famiglia; i Gucci avevano preso di buon grado la notizia ma, dopo il primo incontro che aveva entusiasmato tutti, il regista non ha più comunicato nulla a riguardo.

“Nel 2003 Ridley Scott ci cercò per fare un film su mio padre Paolo e il nonno Aldo. Voleva una specie di liberatoria. Ci incontrammo, in famiglia la cosa fu vista con favore, ma poi non se ne seppe più niente. E ora, dopo tanto tempo, arriva questo film roboante”.


Potrebbe interessarti: Barbara D’Urso a Pomeriggio 5: Patrizia Bonetti “tocca” Sarah Altobello

Il film non è ancora stato ultimato, il regista e la produzione terranno in considerazione il parere dei Gucci, oppure continueranno per la loro strada?

 

Vito Girelli
Suggerisci una modifica