Addio a Milva, morta la pantera di Goro

24/04/2021

Se n’è andata ieri una delle più importanti cantanti ed interpreti musicali italiane. Artista elevatissima ma anche trasversalmente amata, dal teatro brechtiano al Festival di Sanremo, Milva è stata anche una impareggiabile icona di stile. Malata da tempo di alzheimer, si è spenta nella sua casa di Milano. Aveva 81 anni.

Milva3

Colta, intelligente, elegante, iconica. Milva, al secolo Maria Ilva Biolcati è stata tutto questo e molto altro.

Amatissima in Italia ma anche all’estero, come in Germania, in Francia e nel resto d’Europa; in Sud America e in estremo Oriente: sono infiniti i palcoscenici calcati da “La Rossa“, come in molti la definivano, e non solo per il colore della sua chioma fiammante, ma anche per via del suo schieramento ideologico, mai nascosto.

Milva si era definitivamente ritirata dalle scene dal 2013, dopo una intera vita sotto i riflettori di tutto il mondo.

Milva, dal folklore a Bertolt Brecht

Milva


Leggi anche: Iva Zanicchi saluta Milva e commenta: “Troppo poco ricordata”

La carriera di Milva ha toccato ogni aspetto dell’interpretazione canora. Una voce immediatamente riconoscibile che ha saputo interpretare una grande varietà di generi musicali, dalle canzoni della tradizione popolare antifascista con canzoni come Bella Ciao, al pop, alle canzoni di Bertolt Brecht, fino a diventare l’inteprete preferita da Franco Battiato con la memorabile interpretazione, tra le innumerevoli scritte per lei dal cantautore catanese, di Alexander Platz.

Eleganza interpretativa ma anche estetica e intellettiva, la cantante emiliana verrà ricordata anche per lo stile innato nel vestire e per la grande cultura.

La pantera di Goro è stata amata da ogni tipo di pubblico, anche teatrale, con una carriera che parallelamente ha portato avanti insieme a quella musicale: dal teatro con Gino Bramieri, David Riondino e Giorgio Strehler, Milva ha collaborato musicalmente con artisti immensi: Ennio Morricone, Enzo Jannacci, Franco Battiato, Alda Merini, per citarne solo alcuni.

Oltre ad una carriera dalla caratura culturale non indifferente, Milva è la cantante che detiene il record di partecipazioni al Festival di Sanremo: quindici partecipazioni, pari solo a Peppino Di Capri, Toto Cutugno e Al Bano.

Per il suo legame con il Festival e per il suo record di partecipazioni, nel 2018, su idea di Cristiano Malgioglio, le è stato conferito il Premio alla Carriera.

Una carriera costellata di riconoscimenti

Milva2

Il livello artistico di Milva non si discute, la sua carriera più che cinquantennale e le oltre ottanta milioni di copie vendute in tutto il mondo parlano da sole. È anche l’artista italiana ad aver pubblicato il più elevato numero di dischi: 173 tra incisioni in studio, live e antologie.


Potrebbe interessarti: Grande Fratello: sponsor addio e concorrenti senza acqua e letti

Innumerevoli i riconoscimenti conferiteli: Ordre des arts et des lettres (1995); Ufficiale Dell’Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania(2006); Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana (2007); Cavaliere della Legion d’Onore della Repubblica Francese (2009): ed è proprio Milva l’unica artista italiana ad essere stata insignita di tutti questi riconoscimenti.

Giulia Marinangeli
Suggerisci una modifica