Andrea Damante: “Divento pazzo”, che succede?

Andrea Damante è intervenuto attraverso alcune storie Instagram, parlando di quanto sia importante affrontare la realtà e assumersi le responsabilità per uno dei settori che ha più sofferto delle conseguenze della pandemia.

Andrea-Damante

Andrea Damante ha pubblicato delle storie, specificando che poi approfondirà il discorso, in cui parla del delicato argomento delle odierne misure di contenimento del contagio.

Dopo avere visto su Instagram i concerti di star internazionali come David Guetta e Bob Sinclar, Andrea Damante specifica che, secondo lui, non ha senso l’accanimento che si riscontra contro discoteche e concerti, visto che poi abusivamente c’è comunque l’apertura di questi luoghi.

Andrea Damante: “Perché non regolamentare?”

Andrea-Damante

Andrea Damante ha parlato di come, giustamente, ci siano concerti di grandi star quali David Guetta e Bob Sinclar, con i dovuti controlli, la certezza di essere in possesso del Green Pass…ma, Damante, precisa che non comprende l’accanimento contro le discoteche e i concerti che tanto “Sono aperte abusivamente, quindi ancora peggio”.


Leggi anche: Uomini e Donne Giorgia Lucini: Andrea Damante tronista fidanzato

Damante ha spiegato:

Aperti tutti ugualmente in maniera abusiva e senza Green Pass! Senza controllo. Non capisco perché abbiamo uno strumento intelligente e non viene utilizzato e regolamentato per questo settore (come in Francia a due ore di macchina). Abbiamo proposto degli eventi per testare (come hanno fatto in Francia mesi fa) la risposta è stata no (a caso).

La domanda di Damante è “Perché non regolamentare?” visti tutti gli assembramenti nelle zone balneari e nei centri, riportando che gli italiani in vacanza sono per quaranta milioni.

Andrea Damante è apparso sulle storie Instagram abbastanza alterato, precisando che il suo discorso non si ferma qui in quanto a parere suo è importante parlarne. Quindi, Andrea Damante ha concluso la sua critica (che, ha detto, riprenderà presto più dettagliatamente):

Se pensate che dopo due anni la gente stia ancora a casa non è così (finito anche quello). Affrontiamo la realtà! Serve assumersi delle responsabilità per regolamentare un settore fermo da due anni.