Carolina Crescentini premiata con il Nations Award

L’attrice Carolina Crescentini è stata premiata con il Nations Award a Taormina, in Sicilia, durante un evento dedicato alla cinematografia e alla tutela dell’ambiente. L’attrice romana ha parlato di sé e di temi importanti.

carolina-1-1

All’hotel San Pietro di Taormina, in Sicilia, si è tenuto l’evento organizzato dai media partner Hot Corn e Hot Corn Green. L’evento è stato dedicato al cinema e alle tematiche ambientali. L’attrice Carolina Crescentini in questa occasione ha ricevuto il Nations Awards.

L’evento è stato condotto dal giornalista Andrea Morandi, che ha anche intervistato Carolina Crescentini. L’attrice romana ha raccontato come l’esperienza della pandemia le abbia insegnato a scegliere con cura chi avere accanto o incontrare. Ma anche ad apprezzare un rallentamento dei ritmi.

Carolina Crescentini è sposata dal 2019 con il cantante e musicista Francesco Motta. Lo scorso anno, visto il dilagare della pandemia, l’attrice e il marito hanno deciso di trasferirsi in campagna da novembre a maggio, per essere immersi nel relax. tuttavia per i suoi impegni cinematografici Carolina Crescentini ha spesso dovuto spostarsi in città.


Leggi anche: Isola dei famosi: Carolina Kostner naufraga?

Carolina Crescentini intervistata, cos’ha dichiarato?

Francesco-Motta-e-Carolina-Crescentini

L’attrice ha lanciato un importante messaggio per l’ambiente nel corso dell’intervista. Ha dichiarato che il contatto con la natura le ha dato una nuova serenità, e la consapevolezza di come l’ambiente vada tutelato. Gli attori e chi ha visibilità devono per primi, ha asserito Carolina Crescentini, spendersi su problemi basilari per il mondo, come fa Leonardo Di Caprio.

L’attrice ha poi raccontato dell’esperienza vissuta quest’anno sul set di “La bambina che non voleva cantare”, film biografico della cantante Nada Malanima. Carolina Crescentini ha interpretato la madre di Nada, Viviana Fenzi. Le difficoltà sono state tante, tra cui quella di apprendere l’accento toscano, impresa in cui Motta l’ha aiutata, essendo cresciuto a Pisa.

Un’altra grossa difficoltà era interpretare in un personaggio così fragile, poiché la madre della piccola Nada soffriva di disturbo bipolare. Un anno intenso quello di Carolina Crescentini, che ha ricevuto il meritatissimo Nations Award, dimostrando attraverso le sue parole una spiccata sensibilità e saggezza.