Come scegliere le porte da interno: idee e consigli

Ilaria Bucataio
  • Dott. in Scienze della comunicazione
14/04/2022

Quando si sta ultimando la ristrutturazione di una casa o di un appartamento, arriva sempre il momento di scegliere le porte da interno. Di certo è necessario fare una scelta in linea con lo stile della casa, ma va anche considerato il materiale e il metodo di installazione: quali sono le porte migliori?

Come scegliere le porte da interno: idee e consigli

Che si tratti di una ristrutturazione oppure dei primi lavori che si stanno facendo in una casa o in un appartamento, arriva sempre il momento di scegliere le porte da interni. Per separare una stanza dall’altra ci sono tantissime soluzioni, ma quando si opta per l’inserimento di una porta è bene tenere in considerazione alcuni fattori. Di sicuro il primo aspetto da valutare è quello dello stile della casa, che dovrà ben sposarsi con la porta scelta.

Poi, arrivano altri fattori da tenere in considerazione, come il materiale oppure il metodo di installazione.

Il materiale

Sicuramente il materiale più utilizzato per le porte è il legno. Non solo perché è un materiale ecosostenibile, ma anche perché può essere utilizzato in diverse modalità, tinto o laccato, oltre ad essere molto resistente. Inoltre va considerato che, quando si parla di porte, ciò che si vede è il rivestimento esterno, per cui si può anche scegliere di celare all’interno un materiale diverso, che magari possa essere antiincendio oppure antisfondamento.

La tipologia

In base alle necessità, si può optare per una diversa tipologia di apertura della porta. Da quella a libro, passando per quella scorrevole, ce ne sono moltissime a seconda delle esigenze. È anche possibile pensare di installare delle porte scorrevoli con una continuità di materiali o colori rispetto alla parete, rendono sicuramente l’insieme più uniforme e originale, come se fosse una “quinta” all’interno della casa.

L’installazione

Il metodo più utilizzato, e assolutamente di tendenza per l’installazione della porta, è quello che prevede di montarla a filo muro. L’anta e l’infisso, dunque, saranno allo stesso livello della parete, come se non ci fosse divisione ma solo continuità: una scelta che fa aprire spazi che non si penserebbero possibili, con stupore di coloro che si avvicinano alla porta!