Francesco Oppini ricorda la morte della fidanzata

18/10/2021

La giornata del 17 ottobre è molto particolare, e anche dolorosa, per Francesco Oppini. Il figlio di Alba Parietti, su Instagram, ha voluto ricordare il dramma subito quindici anni fa, quando perse in un tragico incidente stradale la sua fidanzata di allora, Luana. “Sarai sempre luce, sole e sorriso”, ha scritto Francesco. 

Francesco-Oppini-Meteoweek.com-

Il 17 ottobre è una data molto particolare per Francesco Oppini. Il figlio di Alba Parietti, su Instagram, ha ricordato la tragedia che si è trovato a vivere quindici anni fa proprio in questo giorno, quando perse la sua fidanzata Luana a causa di un incidente stradale. Luana aveva solo 25 anni e per Francesco Oppini fu un dolore terribile da affrontare.

L’episodio, che Oppini aveva raccontato anche nella casa del Grande Fratello Vip, era avvenuto un giorno prima che Luana potesse festeggiare il suo compleanno. “Lei era vita”, aveva detto Francesco Oppini nel reality. Ieri, nell’anniversario della morte di Luana, ha scelto di dedicarle un bellissimo post da cui traspare tutto il bene provato per lei.


Leggi anche: Alba Parietti “sempre” da Barbara d’Urso? Ecco perché

Francesco Oppini ricorda Luana

Progetto senza titolo – 2021-10-17T191818.178

Francesco Oppini ha condiviso una foto di Luana, scrivendo per lei delle bellissime parole:

“Ci sono quelle date che non vorresti rivivere mai. Oggi, purtroppo, è una di quelle. Quindici anni senza te piccola Lù. Sei e sarai sempre luce, sole e sorriso e non esistono addii tra noi, perché ovunque tu sia, sarai sempre nel nostro cuore“.

Praticamente negli stessi minuti, come fosse un segno del destino, anche Alba Parietti ha voluto condividere un ricordo della fidanzata di suo figlio, che, come sottolineato dalla showgirl, oggi sarebbe una donna di 40 anni:

“Solo chi ha vissuto la tragedia di perdere una persona cara, giovane, bella, piena di vita, può capire cosa significhi quel dolore immenso che non avrà mai fine. Penso a te, all’ultimo saluto allegri sulla porta, all’incubo delle ore e degli anni dopo. […] Noi non ti dimenticheremo mai bellissima creatura invisibile e presente”.

Ilaria Bucataio
Suggerisci una modifica