Gerry Scotti: il dramma vissuto con Carlo Conti

24/11/2020

Gerry Scotti ora sta bene, è tornato a casa dopo aver passato due settimane in ospedale dentro un casco per la ventilazione. Un’esperienza forte che ha deciso di raccontare a Tv Sorrisi e Canzoni

gerry scotti 2

È stata dura ma Gerry Scotti ce l’ha fatta. Due settimane in ospedale all’Humanitas di Rozzano, poi nuovamente a casa con la famiglia. Due settimane di paura. Ma nessuna terapia intensiva. “Un’esagerazione della realtà. Sono stato sempre vigile, cosciente. Pieno di sensori per tenermi monitorato, certo, e con l’ossigeno”.

“Mi sono affidato ai medici e comunicavo ogni loro decisione a Carlo Conti che, guarda i casi della vita, era pure lui in ospedale. Ci scrivevamo ogni giorno: ‘A te quanti litri di ossigeno oggi?’. ‘A me tre’. ‘A me quattro’. Sembravamo i vecchietti del Muppet Show“.


Leggi anche: Gerry Scotti attacca Carlo Conti per La Corrida

Tornato a casa è stato stravolto, stordito da centinaia di messaggi dopo il suo post su Instagram dove documentava il suo ritorno a casa. “Ho capito che l’affetto vince su ogni male, che è più forte degli antibiotici”. A dargli forza anche la sua famiglia, il fatto di sapere che presto sarà nonno. “Il regalo di Natale che dà un senso a tutto”.

Gerry Scotti contagiato dalla moglie Gabriella?

gerry-scotti-covid-instagram

Gerry Scotti ha raccontato a Tv Sorrisi e Canzoni che “ha sempre avuto una grandissima attenzione nei confronti del Covid”. Fin dai tempi di Striscia la notizia, ma anche a Caduta libera e Tú sí que vales. “I controlli sono strettissimi e gli ambienti vengono sanificati di continuo. Sono portato a credere di essermi contagiato in famiglia“. Il conduttore Mediaset l’ha preso probabilmente da sua moglie Gabriella, asintomatica, “era andata a trovare dei parenti poi risultati positivi.”. Così sono arrivati i primi sintomi.

“La stanchezza, la perdita di olfatto e gusto e quell’infido 37,5 di febbre, legato all’assenza di fiato. Quando ho capito che la situazione non migliorava, d’accordo col medico curante ho preferito ricoverarmi all’Humanitas dove mi hanno sottoposto a 50 esami per capire a situazione di cuore, reni, polmoni… E quando mi hanno detto: “Gerry, il suo è un Signor Covid”, ho iniziato il cortisone e gli antibiotici”.

Il momento più duro è stato quando ha dovuto indossare il casco per la ventilazione. “È stato molto provante psicologicamente, ma io che sono uno pauroso, un ipocondriaco, ho scoperto dentro di me una forza che mai avrei creduto di avere”.


Potrebbe interessarti: Gerry Scotti guarito: il commovente annuncio sui social

Gerry Scotti ha perso 10 chili di peso

scotti-gerry

Gerry Scotti ha ritrovato il sorriso e la serenità. “Ringrazio la mia famiglia che mi è stata sempre vicina nei momenti più duri”. Poi manda un messaggio a chi è a casa: “Ai negazionisti farei vedere cosa ho visto io davanti alla porta della terapia intensiva, anche solo un minuto”. Poi confessa:

“Quando mi hanno detto che, se avessi voluto, sarei potuto tornare a casa, ho preferito fare altri tre giorni di ‘svezzamento’ in reparto. Per scaramanzia, e perché sono diventato cauto”

Un’esperienza che lo ha segnato anche fisicamente oltre che moralmente.

In ospedale ho perso più di 10 chili. Un paio li riprenderò, magari non tutti. Ma se c’è una cosa che ho imparato da questa esperienza è gustarmi i piccoli piaceri della vita. Vorrei tanto fare una bella passeggiata, a piedi e in bici. Uscire e ricominciare un po’ a viaggiare appena sarà possibile sono i miei desideri più grandi”

Ludovico Merlo
Giornalista professionista
Esperto in: TV, Spettacolo e Gossip
  • Fonte Google News
  • Suggerisci una modifica
    Iscriviti alla Newsletter

    Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter