Giornata contro la violenza sulle donne: la storia delle sorelle Mirabal e le scarpe rosse

24/11/2020

Anche quest’anno il 25 novembre  si celebra la Giornata contro la violenza sulle donne: ecco perché si celebra, chi sono le sorelle Mirabal e chi ha ideato il simbolo delle scarpe rosse

Giornata violenza donne

La Giornata contro la violenza sulle donne nasce nel 1999 quando, l’assemblea dell’Onu, decise di  ricordare il terribile sacrificio delle sorelle Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal, barbaramente trucidate dagli agenti del dittatore Rafael Leonidas Trujillo in Repubblica Dominicana

Questa giornata così importante si celebra in tutto il mondo, ma perché e da dove ha origini questa data dedicata alla difesa delle donne?

Le sorelle Mirabal: storia di un omicidio

Siamo nel 1960, 60 anni fa, è proprio il 25 novembre di quell’anno le tre ragazze furono vittime di un omicidio perpetrato dagli uomini del dittatore di Santo Domingo, Rafael Leonidas Trujillo.
Le tre donne, mentre si recavano dai mariti in carcere, furono fermate dagli agenti per poi essere massacrate di botte e scaraventate in un burrone, cercando poi di insabbiare il tutto facendolo passare per un semplice incidente
Le tre donne erano nome con il nome di Las Mariposas (le farfalle), tre donne che protestavano pubblicamene contro la dittatura del loro paese e, per questo, eliminate.


Leggi anche: Diletta Leotta: mille rose rosse da un ammiratore segreto, chi è?

Le scarpe rosse come simbolo

Ogni battaglia o ricorrenza sociale ha un simbolo e, anche la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, ha un simbolo: le scarpe rosse.
In questi giorni, nelle piazze di tutta Italia, troveremo alcune scarpe rosse abbandonate, un simbolo a ricordare un dramma sociale importante.

L’idra è stata resa simbolo nel 2012 dall’artista messicana Elina Chauvet con l’opera Zapatos Rojas. L’opera è stata vista per la prima volta davanti al consolato messicano di El Paso, in Texas, un modo artistico ma concreto per  ricordare le migliaia di donne uccise nella città messicana di Juarez.