Giovanna Mezzogiorno si racconta: la vita dopo la separazione

Francesca Naima Bartocci
  • Esperta in TV e Spettacolo
21/08/2022

Giovanna Mezzogiorno in una lunga intervista per il settimanale Oggi ha parlato tra le altre cose, della sua separazione dal marito Alessio Fugolo, nonchè degli enormi cambiamenti che ci sono stati nella sua vita privata e lavorativa da quel momento.

Giovanna Mezzogiorno si racconta: la vita dopo la separazione

Giovanna Mezzogiorno non nasconde affatto di essersi presa un lungo periodo di pausa dallo schermo, confessando che in questo tempo di è semplicemente dedicata alla sua famiglia. Intervistata da Oggi ha svelato come le cose siano cambiate dalla nascita dei suoi due figli:

Ho avuto due gemelli, mi sono dedicata a loro, l’ho detto, ma non basta mai. Se lavoro di meno partono le leggende metropolitane: dicono che sto male, che mi drogo, bevo, prendo psicofarmaci, tra un po’ faccio pure le rapine. Ci sono anche i commenti sul mio corpo.

Ha poi aggiunto un messaggio di body positivity:

C’è stato un periodo in cui sono ingrassata e allora? È un colossale chissenefrega. Oggi sono diversa? Ho fatto attenzione a quello che mangiavo, sport no che sono pigra. Ma ancora: a chi importa? Conta che io il mio lavoro lo faccio bene, ci metto tutto, sempre.

Giovanna Mezzogiorno rinata dopo la sua separazione: i suoi figli, la sua forza

Giovanna Mezzogiorno si racconta: la vita dopo la separazione

Giovanna Mezzogiorno ha svelato che oggi sembra aver trovato una sua intima dimensione di gioia con i suoi figli:

Sono felice quando la mattina sveglio i ragazzi con un bacio. Sono scelte, io ho fatto questa e non la cambierei per niente al mondo. Cerco la serenità. E giustizia rispetto a quello che viene detto di me. La cattiveria è faticosa da sopportare. Io non sono mai stata cattiva.

Giovanna Mezzogiorno ha svelato senza nessuna remore che per i suoi due figli Leone e Zeno ha anche messo da parte il suo lavoro di attrice:

Sono nati settimini, pesavano un chilo e mezzo. Per i primi anni ho pensato solo a loro, di giorno, di notte. Sono la cosa più bella, vorrei che non soffrissero mai. Li tengo lontani da Internet, dai cellulari, dal brutto che c’è fuori. Spero che crescano sereni. Sono già stata un’adolescente abbastanza complicata io.