Iva Zanicchi querelata da Gianfranco Gallo: la polemica

14/11/2021

Nelle ultime ore è esplosa una nuova polemica intorno a Iva Zanicchi. La cantante, durante l’ultima puntata de Le Confessioni, si è lasciata andare ad una considerazione su un presunto legame tra Nunzio Gallo e i boss mafiosi di New York: una dichiarazione che ha portato il figlio, Gianfranco Gallo, a querelare Iva Zanicchi, come comunicato tramite i social. 

Iva-Zanicchi-LIsola-dei-Famosi

Questa volta sembra che Iva Zanicchi abbia fatto uno scivolone pesante in tv. La cantante è stata ospite dell’ultima puntata del programma condotto da Peter Gomez, “Le Confessioni” e, rispondendo ad una domanda in cui si faceva riferimento al legame di Silvio Berlusconi (di cui Iva Zanicchi si è sempre detta sostenitrice) con alcuni personaggi sospetti, la Zanicchi ha tirato in ballo il cantante Nunzio Gallo. 

La cantante, infatti, raccontando di quando era andata a New York, ha sottolineato come fosse evidente una vicinanza tra Nunzio Gallo e certi ambienti:

“Lasciamo perdere, tutti sti boss che… Quando sono andata a New York a cantare le prime volte, cantavamo al Madison Square Garden, dove anche i Beatles hanno avuto difficoltà a cantare. Arrivava Nunzio Gallo e cantava al Madison. Secondo lei perché?”.


Leggi anche: Isola dei Famosi: chi è Iva Zanicchi? Carriera e vita privata

Iva Zanicchi: arriva la querela

iva zanicchi

Di fronte a queste dichiarazioni, Gianfranco Gallo, il figlio di Nunzio Gallo, conosciuto anche per aver partecipato alla serie tv Gomorra, ha deciso di intervenire sui social facendo chiarezza e rispondendo in maniera decisa a quanto affermato da Iva Zanicchi: 

“Signora Zanicchi, prima di tutto perché lei avrebbe dovuto cantare al Madison Square Garden e Nunzio Gallo no? Mio padre aveva vinto il Festival di Sanremo, la prima Canzonissima, il Festival di Napoli. Andava lì perché gli emigranti lo volevano. Mio padre ha anche cantato alla Scala di Milano con Renata Tebaldi nella Bohème. Lei ha mai cantato alla Scala di Milano?”.

Non solo, l’attore ha anche dichiarato che, dopo un momento di esitazione, ha deciso di fare una querela a nome del padre Nunzio Gallo, che è scomparso da diversi anni. “Con i soldi finanzierò una fondazione che dia una borsa di studio ai ragazzi napoletani poveri che vogliono studiare canto”, ha specificato Gianfranco Gallo, che quindi passerà alle vie legali.

Ilaria Bucataio
Suggerisci una modifica