Azzurre a Tokyo 2020

Klimt: il quadro rubato 24 anni fa torna in esposizione

03/12/2020

Era sparito nel 1997 ma ora il quadro di Klimt è stato ritrovato. Ieri mattina è tornato a casa, nella Galleria d’arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza. Oggi è esposto in una particolare teca ma sarà possibile vederlo solo quando cadranno le restrizioni legate al Covid! 

ritratto-di-signora-klimt

Il “Ritratto di Signora” era stato rubato nel gennaio del 1997 ma lo scorso dicembre è stato fatto ritrovare in un vano esterno dello stesso museo, dove si pensa fosse  stato collocato qualche giorno prima.

Ieri, però, il dipinto di Klimt è tronato a casa ed ora è esposto nella pinacoteca piacentina, in una speciale teca allestita nella sala centrale della Ricci Oddi.

Tramite uno streaming il presidente Massimo Ferrari e i membri del cda della galleria hanno presentato il nuovo allestimento. A causa delle restrizioni imposte dal DPCM sul Covid, però, non è ancora visibile al pubblico.


Leggi anche: Ogni Mattina: Adriana Volpe rivoluziona il programma?

Klimt: il “Ritatto di Signora” torna a casa

klimt-ritrovato-originale-conferenza-stampa-23

La famosa opera d’arte era stata rubata 24 anni fa in circostanze misteriose e in una altrettanto misteriosa situazione è stata ritrovata lo scorso dicembre.

Dopo alcune interviste giornalistiche due pregiudicati piacentini si sono auto-accusati del furto. I due, poi, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Da ieri mattina il dipinto è collocato in una sala centrale della pinacoteca ed è messo in risalto dalle luci di Davide Groppi. Quando finalmente le attuali restrizioni saranno allenate sarà possibile andare a vederlo.

“Il ritorno del “Ritratto di Signora” di Gustav Klimt alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi è un momento molto importante perché questo capolavoro rappresenta una parte dell’identità di Piacenza e la città ripone molte speranze in questo evento come volano concreto per superare un momento difficile per tutti noi”.

ha detto, emozionato, il presidente della Galleria, Massimo Ferrari, entusiasta del ritrovamento.

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica