Maneskin: Damiano negativo al test antidroga

25/05/2021

Dopo le polemiche sollevate in seguito alle accuse verso Damiano, frontman dei Maneskin, il giovane cantante si è sottoposto ad un test antidroga il cui esito ha confermato la versione sostenuta dalla band e dal suo manager: il ragazzo non ha assunto cocaina.

Maneskin

La vittoria dei Maneskin all’Eurovision Song Contest ha scatenato una serie di polemiche, soprattutto da parte della Francia, che ha accusato il frontman della band di aver fatto uso di cocaina in diretta.

Il cantante si è dichiarato estraneo ai fatti e così tutto il resto della band e le figure intorno a loro. Un popolare giornale francese, però, ha continuato ad accusare i 4 romani e così Damiano ha deciso di sottoporsi ad un test antidroga, per avvalorare la sua tesi.

I risultati, arrivati poco fa, hanno dato ragione al 21enne!

Maneskin: chiuso il caso sulla droga

11317189-0-159-3077-1890-1920×0-80-0-0-623ee9219af77737d89d54a9f3d3b9e4


Leggi anche: X Factor: chi è Damiano dei Maneskin? Età, amore e curiosità

“Damiano ha sniffato cocaina in diretta”. Era questa l’accusa della stampa francese a Damiano David, frontman dei Maneskin che solo qualche giorno fa insieme a Victoria, Ethan e Thomas, ha fatto vincere all’Italia l’Eurovision Song Contest.

Il diretto interessato ha più volte negato e alla fine ha deciso di sottoporsi volontariamente ad un test antidroga per dimostrare la sua innocenza.

In queste ore, così, la vicenda è stata finalmente chiusa in maniera ufficiale e così la Francia ha fatto un passo indietro di fronte alle accuse che aveva mosso verso la giovane band.

“La Francia, seconda qualificata all’Eurovision, non ha alcuna intenzione di sporgere un reclamo qualunque sia il risultato del test anti-droga. Il voto è estramemente chiaro in favore dell’Italia. Non ha rubato la sua vittoria ed è questo ciò che conta”.

ha detto la famosa giornalista Delphine Ernotte, intervistata dal quotidiano Le Parisien. Insomma, tutto è stato chiarito e ora più che mai i Maneskin potranno godersi la loro meritata vittoria.

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica