Maneskin: Macron li voleva fuori dall’Eurovision Song Contest?

Giulia Marinangeli
  • Diplomata in scuola di traduzione
10/05/2022

Nelle scorse ore è spuntata un’indiscrezione lanciata dalla BBC che rivelerebbe un’ipotetica telefonata di Emmanuel Macron, presidente della Francia, che nel 2021 caldeggiava per la squalifica dei Maneskin dall’Eurovision Song Contest. La notizia riaccende le polemiche che erano esplose all’indomani della vittoria della band romana.

21:30 – Maneskin: Macron li voleva fuori dall’Eurovision Song Contest?

Il 22 maggio 2021, a Rotterdam, i Maneskin trionfavano all’Eurovision Song Contest con il brano Zitti e Buoni. Una vittoria che però aveva subito trovato il dissenso della Francia, forse anche amareggiata dalla seconda posizione, che accusava la band di avere fatto uso di sostanze stupefacenti in diretta televisiva durante la finale.

Accuse che hanno scatenato una bufera mediatica, spenta nel giro di poco, dopo le smentite dei diretti interessati e con un test antidroga risultato negativo all’indomani dalla vittoria dei Maneskin.

Nelle scorse ore, la BBC, per dimostrare la grande risonanza mediatica di Eurovision Song Contest, ha rivelato un’indiscrezione secondo cui per spingere verso la squalifica dei Maneskin nel 2021 ci si sarebbe messo pure Emmanuel Macron, presidente della Francia, con una telefonata.

Eurovision 2021: la polemica contro i Maneskin

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Måneskin (@maneskinofficial)

Durante la finale di Eurovision Song Contest 2021, disputata la sera del 22 maggio, una polemica è esplosa via social: mentre veniva ripreso, ad alcuni telespettatori è sembrato che Damiano David, cantante dei Maneskin, seduto con la band alla postazione dell’Italia, stesse sniffando cocaina.

Una polemica che nel giro di poco ha cominciato ad ingigantirsi oltre ogni misura, e che è stata cavalcata dalla Francia una volta conclusa la serata con la vittoria dell’Italia, a cui sono seguiti i cugini francesi in seconda posizione.

Un gesto che appena ad una prima visione distratta poteva sembrare quello dell’assunzione di stupefacenti, per i secondi classificati era diventato un motivo valido per squalificare la band vincitrice di Eurovision 2021.

La vicenda però si è conclusa con un nulla di fatto, avvalorato anche da un test antidroga risultato negativo a cui Damiano David ha voluto sottoporsi spontaneamente per mettere a tacere ogni contestazione.

Macron vs Maneskin

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Måneskin (@maneskinofficial)

In queste ore la vicenda è tornata nel dibattito pubblico dopo un articolo nel sito della BBC che raccoglie i ricordi della finale del 2021 di Stephane Bert, commentatrice per la Francia di Eurovision Song Contest.

È proprio lei a svelare che, una volta esplosa la bufera, tra i tanti messaggi ricevuti sul suo telefono, ce n’era anche uno di Emmanuel Macron, presidente francese, che spingeva la commentatrice a intervenire per sostenere la Francia: “Fai qualcosa, per favore” chiedeva sinteticamente Macron, ma la storia, poi, ha deliberato.