Massimo Ferrero clamoroso: arrestato per bancarotta

Ludovico Merlo
  • Giornalista Professionista
06/12/2021

Il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero è stato arrestato a Milano in mattinata nell’ambito delle indagini della Procura di Paola per bancarotta fraudolenta. Attualmente si trova in carcera. Arresti domiciliari per altre cinque persone tra cui i suoi figli Giorgio e Vanessa.

ferrero

Colpo di scena: il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero è stato arrestato a Milano dalla Guardia di Finanza che lo avrebbe raggiunto in hotel portato a San Vittore. Il numero uno blucerchiato sarebbe stato arrestato a seguito di un’inchiesta che riguarderebbe vicende a operazioni legate ad alcune case cinematografiche in Calabria.

Il provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale di Paola ma che avrebbe coinvolto altre procure italiane con altrettante perquisizioni che sono state effettuate tra Lombardia, Lazio, Basilicata, Campania e Calabria. Coinvolte altre cinque persone, tutte al momento agli arresti domiciliari: tra questi comparirebbero anche la figlia Vanessa e un nipote Giorgio.


Leggi anche: Estate in diretta, Roberta Capua “zittisce” Massimo Ferrero

La Sampdoria non è coinvolta nell’arresto di Ferrero
massimo-ferrero-sampdoria-1sro3jjzcr75q1p2timqqe192o

Il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero è stato arrestato per le vicende delle tre società calabresi della “galassia Ferrero”, ovvero Blu Cinematografica GF, Ellemme Group e Maestrale. La vicenda è stata raccontata dal portale ClubDoria46.it nei mesi scorsi.

Tre società, tre fallimenti, nel giro di pochi anni. La Blu Cinematografica, che risulta aver prodotto la bellezza di sette film dal 2000 al 2010 , è fallita nel 2017 e la procedura è ancora aperta. Si tratta della casa di produzione fondata nel 1998 e che già qualche grattacapo l’ha creato in passato a Ferrero, per una presunta evasione fiscale, come raccontato da Repubblica nel 2015

Ellemme Group ha avuto la stessa sorte: fallimento dichiarato nel 2017, dopo un solo film prodotto, nel 2010.

E poi Maestrale, l’ultima a “crollare”, lo scorso agosto. La società era stata posta in liquidazione e cancellata per chiusura della stessa a gennaio 2020 ma ciò non ha impedito l’apertura della procedura fallimentare, nel mese di agosto. Una facoltà ammessa dalla legge e accettata anche dalla giurisprudenza.

Nessun coinvolgimento nella vicenda, ad alcun titolo, per la Sampdoria, il cui ambiente è comunque rimasto molto turbato dalla notizia, giunta fra l’altro nella settimana che porta alla stracittadina di venerdì.


Potrebbe interessarti: L’Eredità: Massimo Cannoletta lascia la trasmissione