Azzurre a Tokyo 2020

Michela Quattrociocche sotto accusa: la verità

16/07/2021

Un giro di vendita di borse false è stato sgominato dalle Fiamme Gialle della Capitale. Tra i nomi delle acquirenti appaiono quelli di Michela Quattrociocche, ex signora Aquilani, Teorora Rutigliano e quello della parrucchiera di Ilary Blasi. Lo racconta Il Messaggero. Come stanno davvero le cose?

Michela-Quattrociocche-rompe-il-silenzio

Le celebrità sono pazze per il “tarocco”? A quanto pare… sì. Lo “denuncia” un’inchiesta fatta da Il Messaggero e ripresa dal sito Dagospia. Coinvolte alcune vip nostrane di rilievo, come Michela Quattrociocche, la parrucchiera di Ilary Blasi e l’ex meteorina Teodora Rutigliano. Tutte però hanno smentito categoricamente il loro coinvolgimento in questo giro di acquisti. Secondo la ricostruzione fatta dal quotidiano romano, la Guardia di Finanza avrebbe scoperto un giro di vendita di prodotti falsi in un appartamento-boutique situato tra Corso Francia e Collina Fleming a Roma Nord.


Leggi anche: Pomeriggio 5, Goria ha comprato la Morellato?

La denuncia del giro di borse false

jpg

Scrive Il Messaggero:

“Oltre 600 gli articoli tra borse, cinture e portafogli con marchi contraffatti stipati in scaffali e cassetti da una romana di 47 anni, Federica Rossetti, denunciata (…) per la vendita del falso, ricettazione e per evasione fiscale. Il volume d’affari è stato quantificato, stando alle indagini, in circa 850.000 euro”.

Come dicevamo, tra i nomi dei clienti figurerebbe anche quello di Michela Quattrociocche, ex moglie di Alberto Aquilani, Teodora Rutigliano, e la parrucchiera di Ilary Blasi. Le prime due rimandano al mittente l’accusa e smentiscono di essere mai entrate in quel giro di affari. E smentiscono anche la notizia secondo cui sarebbero state raggiunte da multe per gli acquisti fatti.

BdupvVTIQAAuB5a.jpg-large

Se la Rutigliano sostiene di mancare “da Roma da 7 anni” e grida allo scandalo per il suo coinvolgimento in una storia assurda, la Quattrociocche non nega di essere stata nell’appartamento della signora Rossetti una volta per accompagnare una amica, ma sottolinea di essere una collezionista di borse… ma vere. Insomma, lei le borse taroccate proprio non le guarda nemmeno, è una cosa che proprio non le appartiene.

“Io avrei comprato una borsa taroccata nelle boutique del falso di Corso Francia? Non è assolutamente vero”, si adira. E a proposito delle sanzioni aggiunge: “Mai ricevuto sanzioni”.


Potrebbe interessarti: Can Yaman: Mediaset acquista le nuove soap

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica