Monica Bellucci: vince il David Speciale 2021

La 66esima edizione dei Premi David di Donatello si terrà l’11 maggio e – come negli scorsi anni – sarà possibile seguire la cerimonia in prima serata su Rai Uno. Quest’anno, a ricevere il David Speciale 2021, sarà l’attrice umbra Monica Bellucci.

monica-bellucci-

Monica Bellucci, 56 anni, è una delle attrici italiane più note; tra le sex symbol più celebri dagli anni 90, Monica Bellucci è ancora oggi acclamata tanto per la sua innegabile bellezza quanto per la sua intelligenza, componenti essenziali dell’estremo fascino che la contraddistingue, senza dimenticare il talentoso percorso da attrice stellata.

Piera Detassis, Presidente e Direttore Artistico dell’accademia del Cinema Italiano, ha parlato dell’attrice umbra come donna che “Incarna la rara capacità di essere icona globale, senza perdere di vista il lavoro creativo e la comunità artistica. Carismatica, cosmopolita e insieme profondamente italiana“.


Leggi anche: Monica Bellucci in quarantena “infastidita” dal marito

Proprio con simili dichiarazioni di elogio e riconoscendo l’elegante impronta lasciata dall’attrice umbra nel mondo del cinema italiano e internazionale, Piera Detassis motiva il conferimento del prestigioso premio a Monica Bellucci.

Il Premio Speciale 2021 sarà assegnato all’attrice umbra martedì 11 maggio, durante la Cerimonia di Premiazione dei Premi David di Donatello, in diretta su Rai Uno e condotta da Carlo Conti.

David Speciale 2021, Monica Bellucci: “Nel mio cuore sempre e solo italiana”

monica

“Ringrazio l’Accademia del Cinema Italiano e la Presidente Piera Detassis per questo David. Ricevere questo riconoscimento mi riempie di emozione perché ho un grande rispetto per il nostro cinema che è sempre stato e continua a essere fonte di ispirazione per il cinema mondiale. E anche se il mio percorso mi ha portato all’incontro di culture ed esperienze artistiche diverse, nel mio cuore mi sento sempre e solo italiana“.

Queste le parole dell’attrice Monica Bellucci appena venuta a conoscenza del prestigioso Premio Speciale 2021, che le sarà consegnato il prossimo martedì durante la Cerimonia di Premiazione dei Premi David di Donatello.

Monica Bellucci dall’Umbria (l’attrice è nata a Città di Castello, PG) è approdata in tutto il mondo ed è stata diretta dai maggiori registi del cinema italiano e mondiale. Alcuni esempi? Coppola (Dracula ), Tornatore (l’indimenticabile Malèna) Gibson (La Pasione di Cristo), Mendes (Spectre), Gilliam (I fratelli Grimm e l’incantevole strega), Noé (con lo scandaloso Irréversible).


Potrebbe interessarti: Monica Bellucci accusata: ritocchini sulla figlia?

Di grande importanza è stato il rapporto di Monica Bellucci con il cinema francese e con la Francia in generale, con la candidatura ai Premi César grazie alla sua interpretazione nella pellicola di Gilles Mimouni L’Appartamento. Non solo, Monica Bellucci nel 2003 è stata la prima donna italiana nel ruolo di madrina al Festival di Cannes, fino ad arrivare al conferimento della Legion d’Onore (l’onorificenza più alta conferita dallo Stato francese).

Ora, Monica Bellucci torna a parlare dell’amore per l’Italia e il cuore incurabilmente innamorato della sua terra natia, grazie alla notizia del David Speciale che le sarà conferito l’11 maggio. Un onore per l’attrice che esordì nel cinema italiano con Vita coi figli di Dino Risi fino all’estrema popolarità che la portò a recitare in Matrix Reloaded e Matrix Revolutions di Larry e Andy Wachowski.

Così, Piera Detassis parla di Monica Bellucci, riconoscendo il percorso di un’attrice che merita a pieni titoli il Premio Speciale 2021, importante onorificenza dei Premi David di Donatello:

“Una carriera stellare e tuttavia saggia, che parte da Città di Castello e dalla nostra commedia, e si lascia valorizzare da grandi autori come Francis Ford Coppola e Giuseppe Tornatore diventando subito internazionale (…) il David Speciale a Monica Bellucci riconosce la sua bellezza unica ma soprattutto la capacità di giocare d’azzardo e provocazione, come nel caso di Irréversible, alternando registi riconosciuti a giovani debuttanti o innovatori e scegliendo quasi sempre lo slancio d’autore (…)”.