Omar Pedrini: operato d’urgenza al cuore

Il cantautore Omar Pedrini, ex leader dei Timoria, è stato operato nelle ultime ore d’urgenza a Bologna per un aneurisma aortico. La moglie Veronica e il suo staff comunicano ai fan le sue condizioni di salute.

omar-pedrini-ipa

Omar Pedrini, cantautore, chitarrista ed ex leader dei Timoria, ha postato su Instagram una foto dal letto d’ospedale scrivendo di avere un aneurisma aortico. Non è la prima volta che Omar Pedrini soffre di problemi legati al cuore. Già nel 2004 aveva avuto un aneurisma aortico e nel 2014 aveva subito un intervento di ben undici ore.

Il problema di per sé è grave ma i medici hanno agito con tempestività e le condizioni del musicista appaiono sotto controllo. Infatti, a causa dei problemi avuti in passato, Omar Pedrini viene costantemente sottoposto a periodici controlli. L’ultimo controllo era stato effettuato in vista dei prossimi concerti estivi.


Leggi anche: Eros Ramazzotti: la nuova fiamma, ecco le foto

Omar Pedrini ha subito un intervento al cuore di cinque ore all’ospedale di Bologna. Si trova in terapia intensiva ma ha ripreso coscienza.

6019791-0737-omar-pedrini-operato-400

Venerdì 11 giugno il cantautore e musicista Omar Pedrini è andato sotto i ferri per risolvere il problema dell’aneurisma aortico che gli è appena stato diagnosticato. L’intervento si è svolto nella Villa Torri di Bologna sotto la guida del chirurgo cardiovascolare Roberto di Bartolomeo.

A rassicurare i fan, preoccupati dopo il silenzio seguito alla foto postata su Instagram da Omar Pedrini, è intervenuta la moglie Veronica Scalia. Lo stesso staff di Omar ha scritto su Twitter:

Omar è stato operato ieri alla clinica Villa Torri di Bologna dal cardiochirurgo vascolare Prof. Roberto di Bartolomeo e dalla sua equipe. L’intervento durato 5 ore è riuscito. Omar è in terapia intensiva ed è già cosciente.

Insomma pare non ci sia da temere per la salute del musicista Omar Pedrini, che si accinge ad un’estate piena di conferenze e concerti, anche se il suo stato di salute dovrà essere costantemente monitorato dallo staff medico.