Ornella Muti rivela: “Cose terribili su di me”

05/10/2021

Ornella Muti si è raccontata nella trasmissione di Pierluigi Diaco “Ti Sento”. L’attrice ha parlato della sua carriera, raccontando però anche degli aspetti dolorosi del suo percorso, dalle tante critiche che sono state fatte nei suoi confronti fino alle difficoltà di sua figlia Naike nel vivere la pressione dei media. 

ornella muti

Nel programma in onda in seconda serata “Ti sento”, condotto da Pierluigi Diaco, Ornella Muti è tornata a parlare, raccontando la sua vita e la sua grande carriera nel mondo del cinema italiano. Come sempre, quando si parla di successo, ci sono anche degli aspetti negativi e sono proprio questi ultimi che Ornella Muti ha voluto mettere in evidenza, rivelando di aver sofferto per tutto ciò che è stato detto su di lei.

A proposito della sua vita privata e dei suoi sentimenti, Ornella Muti ha precisato di non voler più tornare sul suo amore con Adriano Celentano, sottolineando di aver fatto questa scelta per rispetto nei suoi confronti:


Leggi anche: Mara Venier riceve un messaggio d’amore: ma non è del marito

“Preferisco non parlarne più. Non mi sembra rispettoso per nessuno. Credo che le cose vadano sempre fatte con attenzione verso gli altri”.

Questo è solo uno dei tanti gossip che l’ha ferita, come ha spiegato successivamente.

Ornella Muti: ferita dalle critiche

FA017218-A534-45A8-A3A9-AB87FC0FFF61

Ornella Muti, dopo anni di carriera ad altissimi livelli, ha rivelato di aver sofferto spesso per quanto è stato detto su di lei. L’attrice, infatti, ha rivelato che alcuni giudizi sono stati davvero molto pesanti:

“Hanno scritto anche cose terribili su di me. Ad esempio: la Muti si attribuisce un’anima, e questo è il nostro lavoro. Noi siamo dei momenti, delle cose, non siamo delle persone!”.

Se Ornella Muti è ormai abituata a gestire le pressioni e ad accettare tutto quello che viene detto dall’esterno, l’attrice ha manifestato una certa preoccupazione nei confronti della figlia Naike, che non ha la stessa forza:

“A differenza mia è più fragile e ha maggiore difficoltà a gestire la pressione mediatica”.

Ilaria Bucataio
Suggerisci una modifica