Paolo Bonolis: la crisi con la moglie Sonia

23/05/2021

Sonia Bruganelli di recente si è raccontata a cuore aperto a “Belve”, il programma di Francesca Fagnani su Rai Due. La donna, in particolare, ha fatto alcune confessioni sul rapporto con Paolo, che dopo la nascita della loro primogenita Adele era stato messo davvero in crisi.

Schermata 2021-05-23 alle 13.17.33

Da ormai oltre 20 anni Sonia Bruganelli appare felice e spensierata al fianco di Paolo Bonolis e, seppur da dietro le quinte, collabora anche con i programmi del conduttore e, infatti, è lei che con la sua agenzia si occupa di casting e provini.

La coppia ha tre bellissimi figli e spesso i due hanno parlato dei problemi di salute di Silvia, la primogenita, che soffre di un ritardo dello sviluppo. Proprio della sua nascita la Bruganelli ha di recente parlato con Francesca Fagnani, nel programma di Rai Due “Belve”.

Paolo Bonolis: la verità sulla crisi con la moglie

paolo-bonolis-sonia-bruganelli


Leggi anche: Paolo Bonolis: Sonia Bruganelli confessa un segreto

“Belve” è un programma tutto dedicato alle donne e alla loro forza. Nello show le ospiti si mettono spesso a nudo e così è stato anche per la Bruganelli, che ha rivelato di aver vissuto piuttosto male la scoperta della malattia di sua figlia Silvia.

Il dolore provato a soli 27 anni per quel problema cardiaco della bimba, che poi ha portato a delle complicanze, è stato così forte da generare una vera e propria crisi.

“Quando è nata nostra figlia è stata una crisi, non di coppia, ma familiare. Ho avuto io una crisi esistenziale importantissima. È stato un momento di rottura, che ha comportato un allontanamento anche da lui. Spesso lo fanno gli uomini, invece è successo a me. La sofferenza era troppa da gestire”.

ha detto Sonia, raccontando senza mezzi termini del suo comportamento, che aveva incrinato il suo rapporto con il marito Paolo, che si è trovato ad essere insieme madre e padre.

Insomma, nemmeno per una coppia che appare affiatata come loro stare insieme. Il segreto, però, è uno e piuttosto semplice: “un sano ignorarsi”.

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica