Pio e Amedeo: anche Enock Balotelli furioso

04/05/2021

Lo show di Pio e Amedeo “Felicissima sera” ha lasciato molte persone perplesse e indispettite. La volontà di rompere lo stereotipo contro il politically correct che vieta la libertà e la comicità si è rivelato un fiasco, avendo dichiarato guerra e moltissimi Vip che non riescono a sopportare le loro parole. Anche l’ex gieffino Enock Barwuah si è scagliato contro di loro ai microfoni di FanPage.

pio-e-amedeo

Pio e Amedeo sono un duo comico foggiano che ha provato a rivoluzionare la comicità partendo dal politically correct e provando a sfatare i miti a riguardo; seguendo la linea di pensiero che la comicità e la libertà vengono limitate dalla malizia di chi ascolta, con lo show felicissima sera, hanno provato a far ridere gli italiani.

Nonostante ci sia stato un buon consenso, è stato altrettanto alto il disappunto di moltissimi Vip: da Vladimir Luxuria, Cristiano Malgioglio, Tommaso Zorzi e ultimo nella lista, solo a livello cronologico, è Enock Balotelli che si è sfogato ai microfoni di Fanpage.


Leggi anche: GF Vip, gaffe della Capriotti sul razzismo: Enock infuriato

“Le parole contano quanto le intenzioni. Il termine n***o ha un solo significato. Non puoi fare un complimento insultando una persona. È una parola dispregiativa, stai dicendo a una persona che è sporca”.

Enock Balotelli furioso con Pio e Amedeo

enock

La libertà di dire ciò che si pensa non deve mai ledere quella degli altri, soprattutto non la dignità; secondo Enock Balotelli tutto questo è venuto a mancare nello show del duo comico foggiano.

Ai microfoni di Fanpage si è sfogato ed ha parlato dell’impatto che questo atteggiamento potrebbe avere sulle future generazioni:

“Se ho confidenza con un amico e a questa persona sta bene che io lo chiami “ne*ro”, non vuol dire che tutti debbano accettarlo. Ognuno ha una storia o ricordi spiacevoli legati proprio a questo termine. È una parola grave. Ma quello che mi spaventa di più è che in televisione sia stato consentito a due persone, miei amici tra l’altro, di parlarne in questi termini. Che cosa vogliamo fare, creare una generazione che si senta libera di andare in giro per strada a utilizzare certi termini?

Non ho intenzione di far rivivere a mia figlia quello che ho passato io quando andavo in giro e mi chiamavano “ne*ro di mer**”. È un termine da abolire, esattamente come la parola “fro*io”. Poi se sei con un tuo amico in un contesto privato e ti sta bene che ti chiami “fro*io”, è un’altra cosa”.


Potrebbe interessarti: GF Vip, Dayne Mello innamorata di Balotelli

Uno sfogo che trova approvazione nelle lamentele di altri personaggi famosi ma anche di chi, all’interno delle comunità inserite nelle gag, si è sentito offeso e denigrato senza alcun tipo di cultura.

Vito Girelli
Suggerisci una modifica