Platinette critica il DDL Zan: la dura risposta di Tommaso Zorzi

29/04/2021

Tommaso Zorzi e Platinette non riescono a non lanciarsi l’un l’altro frecciatine, a volte anche molto pesanti; vivere entrambi le stesse discriminazioni non è un punto d’incontro, come possono pensare in molti, anzi, nel caso dei due personaggi tv è un motivo di scontro. Platinette, alla notizia della calendarizzazione della legge Zan si è sfogato in un estratto su Libero, Zorzi ha risposto in modo secco e deciso.

platinette-contro-tommaso-zorzi

Due personaggi tv molto amati che, a differenza di molti altri, hanno anche la possibilità di esprimere le proprie opinioni ricevendo un vastissimo consenso; la ruggine tra Tommaso Zorzi e Platinette è iniziata già quando Tommaso si trovava nella casa del GF Vip.

Incontrati al Maurizio Costanzo Show, i problemi sono continuati e, nonostante i due abbiano provato a mettere una pietra sopra i loro dissidi, le incomprensioni e differenze di visioni sul DDl Zan, la legge che introdurrebbe il reato di omotransfobia, li ha divisi nuovamente.

Alla calendarizzazione di questa proposta di legge, ossia la data fissata per la discussione e approvazione di tale ddl, ha aizzato nuovamente Mauro Coruzzi, in arte Platinette.


Leggi anche: GF Vip, Platinette stende Zorzi: “Perfido e violento”

Tommaso Zorzi non ha visto di buon grado le sue parole ad ha risposto tramite Instagram.

Tommaso Zorzi dà del Clown a Platinette

Platinette

Lo sfogo su Platinette sulle pagine di libero ha indispettito particolarmente Zorzi che non accetta che un omosessuale non si batta per una giusta causa; su Libero, Mauro Coruzzi ha dichiarato:

“Tutti siamo d’accordo che non bisogna picchiare un gay e che chi odia le minoranze è un essere abietto, ma non bisogna farne un dogma… Inserire l’identità di genere nei programmi scolastici è una violenza, perfino superiore a quella dell’utero in affitto, significa far prevalere una visione del mondo rispetto ad altre…

La sensibilità degli altri non si cambia con una normativa, ma agendo e rischiando del proprio.

Sono contrario alla legge Zan, vietare il dissenso è liberticida. Io ora vengo definito un gay omofobo. Come mi devo sentire, cosa devo pensare dei gay che vogliono cambiare la mia mentalità sui gay, quando io facevo le battaglie per loro prima che nascessero? Il martellamento ideologico non ha effetti”.

Una presa di posizione non solo contro questo ddl, ma anche contro il “martellamento ideologico” dei Vip che nei giorni scorsi hanno appoggiato la proposta attraverso una campagna social.


Potrebbe interessarti: Tommaso Zorzi – Platinette: scontro di “genere”

Tommaso non ha commentato a parole, ma solamente condividendo alcune sue dichiarazioni e affermando “ma oggi è la giornata dei Clown?“, questo perché nella stessa giornata c’è stato un breve botta e risposta tra Tommaso Zorzi e Matteo Salvini, per via della petizione lanciata dal leader della Lega sul coprifuoco, criticata da Zorzi.

Una giornata intensa per Tommaso che, come al solito, ha fatto valere il suo pensiero, mettendoci sempre la faccia.

Vito Girelli
Suggerisci una modifica