Principe Andrea denunciato: gravi accuse

10/08/2021

Virginia Giuffre, già accusatrice del finanziere Jeffrey Epstein, suicida in carcere, ha avviato una causa legale contro il principe Andrea. La donna sostiene di essere stata abusata sessualmente dal duca di York quando era ancora minorenne. Sarebbe successo in tre occasioni diverse. 

Principe Andrea

Il principe Andrea, duca di York, terzogenito di Elisabetta II e Filippo, è di nuovo nella bufera. C’entra sempre il caso Epstein, a luci rosse e a tinte fosche.

Andrea di York: una donna gli fa causa per violenza sessuale

virginia-giuffre-2019-youtube

Come hanno riportato in queste ore alcuni media statunitensi, Virginia Giuffre, una delle accusatrici del finanziere suicida Jeffrey Epstein, ha avviato un’azione legale contro il principe Andrea.

La donna sostiene di essere stata abusata sessualmente dal principe quando lei aveva solo 17 anni e in tre occasioni diverse: a Londra, a New York e nella residenza di Epstein alle Isole Vergini.


Leggi anche: Virginia Raffaele ha evocato Satana a Sanremo?

In base a quanto emerge nelle carte, depositate presso la corte federale di Manhattan, la donna ha spiegato come fu costretta a fare sesso con il duca di York Andrea da Epstein e dalla complice del miliardario, Ghislaine Maxwell.

Già in passato Giuffre aveva avanzato le sue accuse con gli investigatori del caso Epstein e in tv in diverse interviste.

Prince-Andrew-Legal-Advice

Ma l’azione legale presentata a New York segna una svolta clamorosa che rischia di mettere in seria difficoltà il duca di York, oggi 61enne e già nei pasticci da mesi.

I fatti denunciati si riferiscono a 20 anni fa e in alcune foto già da tempo pubblicate sulla stampa si vede il principe Andrea ritratto con Virginia, che allora era minorenne, e con la Maxwell.

In base a quanto si legge nell’azione legale presentata a New York, venti anni fa la ricchezza, il potere, la posizione e le connessioni del principe Andrea – come è riportato – gli consentirono di “abusare di una ragazzina spaventata e vulnerabile che non aveva nessuno che la proteggeva”.

È ora che ne risponda, conclude il testo. Con la causa arriva, pertanto, la richiesta di (un ingente) risarcimento dei danni fisici e morali.

Cristina Damante
  • Autrice
  • Esperta in: Gossip, Serie Tv e Reali d'Inghilterra
  • Laureata in Scienze della Comunicazione
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica