Royal Family razzista? Inchiesta inquietante

03/06/2021

Si riaccende il dibattito sulla famiglia reale inglese e sulle accuse di razzismo già mosse da Meghan Markle, moglie del principe Harry. Una nuova indagine del quotidiano “The Guardian” rivela che fino alla fine degli anni Sessanta immigrati e persone di colore non potevano accedere a posizioni professionali negli uffici reali, ma solo a lavori da domestici. Successivamente la monarchia e il governo avrebbe negoziato “clausole controverse”, tuttora in vigore, per aggirare le leggi in caso di discriminazione razziale e di genere a corte. 

Buckingham, Palace

L’ombra di atteggiamenti razzisti e discriminazioni si allunga nuovamente sulla Royal Family. È quanto emerge da un’inchiesta del giornale “The Guardian” realizzata da David Pegg e Rob Evans.

Le minoranze etniche sono state discriminate?

Buckingham, Palace


Leggi anche: Meghan Markle accusata dal padre: i Royal non sono razzisti

I due giornalisti autori dell’indagine hanno consultato documenti esclusivi scovati negli archivi nazionali inglesi.

In base a queste fonti, nel 1968 il direttore finanziario della Regina Elisabetta avrebbe informato i funzionari pubblici che non era abitudine della Corona nominare persone di colore e immigrate per determinati posti lavorativi, sebbene fosse loro permesso di lavorare come domestici.

In base all’inchiesta del “Guardian”, sarebbero state concordate successivamente, tra il governo e la monarchia, clausole “controverse” sull’argomento, tutt’ora vigenti e che consentirebbero alla Corona di aggirare le leggi contro la discriminazione razziale e sessuale.

A seguito della negoziazione delle clausole, infatti, sarebbe stato impossibile per le donne o le persone appartenenti a minoranze etniche denunciare discriminazioni alla giustizia.

Razzismo a corte: le reazioni di Buckingham Palace

Buckingham, Palace

Quali sono state le prime reazioni ufficiali all’inchiesta? Buckingham Palace non ha contestato il fatto che la regina fosse stata esentata dalle leggi.

Tuttavia ha puntualizzato che la monarchia aveva un “percorso separato” per ascoltare i reclami relativi alla discriminazione.

Sempre dal palazzo reale è stato solo confermato che “persone provenienti da minoranze etniche erano impiegate a Buckingham Palace fin dagli anni Novanta”. Non è stato reso noto altro.


Potrebbe interessarti: Meghan: donazione misteriosa

Dopo le accuse di razzismo e soprusi fatte da Meghan Markle contro la corte inglese, le nuove rivelazioni suscitano altri dubbi e perplessità su questi temi spinosi.

Cristina Damante
  • Autrice
  • Esperta in: Gossip, Serie Tv e Reali d'Inghilterra
  • Laureata in Scienze della Comunicazione
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica