Azzurre a Tokyo 2020

Selvaggia Lucarelli: contro la riapertura delle scuole

17/02/2021

In un recente tweet sul social con l’uccellino Selvaggia Lucarelli ha espresso tutti i suoi dubbi sulla riapertura delle scuole. Secondo lei, infatti, far tornare gli alunni tra i banchi “in sicurezza” non è possibile!

Selvaggia-Lucarelli

Sui suoi social Selvaggia Lucarelli è da sempre impegnata a portare avanti le sue battaglie. Che si tratti di politica, attualità o del mondo dello spettacolo, infatti, la giornalista usa questi strumenti per dire la sua e aprire dibattiti interessanti.

Visto il particolare periodo storico che tutti stiamo vivendo, però, negli ultimi mesi la donna ha spesso parlato di Covid e pandemia. Selvaggia è stata sempre molto attenta e ha spesso invitato i suoi followers a fare lo stesso, incoraggiando l’uso di mascherine e il rispetto del distanziamento sociale.

È stata una delle poche che ha mantenuto la pazienza nonostante i vari lockdown e le zone rosse e, sin dall’inizio, ha creduto nei vaccini e nella loro importanza, dicendosi impaziente di farsi iniettare il farmaco.


Leggi anche: Uomini e Donne: Selvaggia Lucarelli attacca Maria De Filippi

Nelle ultime ore, però, qualcosa la preoccupa. Secondo lei, infatti, la riapertura delle scuole è pericolosa e potrebbe riportare la popolazione nell’incubo dei contagi senza freni.

Selvaggia Lucarelli: “Scuole sicure? Una favoletta!”

Schermata 2021-02-10 alle 11.31.41

Dopo che altre 4 città della Lombardia sono diventate zona rossa la popolazione ha ricominciato a preoccuparsi. E anche Selvaggia Lucarelli.

Come ha scritto in un recente post su Twitter, però, secondo la donna il problema sarebbero le scuole, che rischiando di dare vita a centinaia di nuovi contagi di variante inglese tra bambini e insegnanti.

“La storia delle scuole sicure è una favoletta!”

ha dichiarato, sottolineando la sua idea secondo cui tutti i cluster che hanno reso zone rosse i 4 comuni in Lombardia nascono proprio da lì.

“Nel frattempo per Draghi la priorità è riaprirle. Che si fa?”

ha chiesto retorica sul social, dando il via ad un infuocato dibattito. Voi da che parte state?

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica