Selvaggia Lucarelli, indignata: la denuncia per i rifiuti

31/05/2021

In queste ore Selvaggia Lucarelli ha deciso di usare il suo account in maniera un po’ alternativa. La donna, infatti, ha voluto denunciare sui suoi social la situazione rifiuti a Milano e, soprattutto, intorno a casa sua!

selvaggia-lucarelli

Selvaggia Lucarelli è molto attiva suoi social, dove parla spesso delle sue passioni, sensibilizza di temi di interesse pubblico e punta i riflettori su fatti vari di attualità.

In queste ore, però, la donna ha voluto usare le sue stories per denunciare la situazione ormai ingestibile in cui si trovano le strade della città in cui abita.

Con alcuni scatti postati, infatti, ha voluto mostrare ai suoi followers i rifiuti, le bottiglie di birra e altri vari oggetti che, ogni giorno, trova per strada quando esce di casa!

Selvaggia Lucarelli: troppi rifiuti sulle strade milanesi

Schermata 2021-05-31 alle 15.43.11

Postando vari scatti che raffigurano oggetti di ogni tipo, Selvaggia Lucarelli poche ore fa ha mostrato sul suo profilo la situazione della via sotto casa sua, che purtroppo è invasa da rifiuti e sporcizia!


Leggi anche: Privato: Selvaggia Lucarelli insultata da Antonella Mosetti, scatta la denuncia

“Questa è la via in cui abito, stamattina. E così più o meno sempre, con oggetti di varia natura, da mobili a forni a microonde. Non è Roma, quindi non è colpa della Raggi. Ma neanche di Sala, perché non si possono sempre addossare ai sindaci le colpe della mancanza totale di educazione civica dei cittadini”.

ha detto la donna, sottolineando così che nemmeno il capoluogo lombardo è così pulito come si crede erroneamente.

Schermata 2021-05-31 alle 15.42.27

“Ora, visto che da un anno e mezzo turisti non ce ne sono, forse è il caso di mettersi in testa che in tema di rifiuti, gli italiani sono i primi colpevoli di schifezze e incuria. Senza alibi”.

ha aggiunto la donna, dicendosi amareggiata anche per la quantità di rifiuti che la scorsa estate ha visto nella bellissima Puglia.

La sua soluzione è quella di dedicare una giornata a scuola solo a lezioni di educazione civica, educazione digitale, educazione sentimentale e diritto. Che dite, funzionerebbe?

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica