Selvaggia Lucarelli: la verità su Gerry Scotti

18/11/2020

Tramite la sua pagina Instagram Selvaggia Lucarelli ha voluto difendere il giornale su cui scrive dalle accuse di fake news in merito al ricovero in terapia intensiva di Gerry Scotti. E l’intervista di oggi sul Corriere sembra darle ragione!

foto-selvaggia-lucarelli

Quando qualche giorno fa è uscita la notizia del ricovero di Gerry Scotti per Covid tutto il paese si era preoccupato per l’amato conduttore. Ad un certo punto, poi, era trapelata la notizia di un peggioramento delle sue condizioni che, però, era stata prontamente smentita dal suo ufficio stampa.

Così, come ha raccontato Selvaggia, al TPI (dove lei stessa scrive) era stata attribuita una fake news. Come ha spiegato la giornalista, però, quella raccontata da loro sarebbe stata la verità sin dall’inizio e l’intervista di Gerry sul Corriere, uscita solo poche ore fa, lo confermerebbe!


Leggi anche: Gerry Scotti: confessione sul figlio

Selvaggia Lucarelli chiarisce le notizie su Gerry Scotti

Striscia La Notizia – Photocall

Poche ore fa è uscita sul Corriere della Sera l’intervista di Gerry Scotti, che ha raccontato del suo ricovero in ospedale e di quanto quei momenti vissuti lo abbiano fatto preoccupare.

Le sue parole, però, secondo Selvaggia Lucarelli danno ragione alla notizia che il popolare conduttore fosse finito in terapia intensiva. Che, a questo punto, non era falsa come si è detto.

La giornalista, infatti, sui suoi social ha voluto spiegare la dinamica delle cose. Portando l’articolo del Corriere ad avvalorare la sua tesi, ha voluto specificare che quella uscita sul TPI non era una notizia falsa.

“Oggi la bella intervista Gerry Scotti sul Corriere conferma la notizia: momenti difficili, ricovero di 10 giorni, problemi respiratori. Si parla di “stanzetta prima della terapia intensiva da cui si vedevano gli intubati”, quindi logisticamente era in terapia intensiva, monitorato, anche se considerato un subintensivo.” ha detto. “E, come racconta, aiutato con ventilazione non invasiva (il casco). Insomma era in subintensiva o terapia intensiva respiratoria, come la chiamano in alcuni ospedali”

Insomma, sulle fake news, soprattutto di questi tempi, non c’è da scherzarci!

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica