Selvaggia Lucarelli: l’ironico messaggio di un followers

17/06/2021

In queste ore Selvaggia Lucarelli ha voluto condividere con i suoi followers un divertente messaggio che le è arrivato da un suo followers poche ore fa. Mentre piano piano ci si sta lasciando alle spalle il Covid, infatti, l’utente ha voluto far notare un piccolo dettaglio che gli ha fatto capire che, davvero, stiamo tornando alla normalità.

55135-selvaggia-lucarelli-il-post-pro-tecnologia

Solo pochi giorni fa Selvaggia Lucarelli si è vaccinata e ora la giornalista, che non vedeva l’ora che arrivasse anche il suo turno, ha condiviso entusiasta lo scatto del momento sui suoi social.

Qualche tempo prima era stato il suo fidanzato Lorenzo a sottoporsi al vaccino e, più di recente, anche il figlio della donna, Leon, ha prenotato la sua dose.

La Lucarelli è molto felice che la campagna vaccinale stia portando a quella che sembra la normalità e, anche se non è ancora il momento di abbassare la guardia, è bello vedere la gente che torna a godersi la vita. 


Leggi anche: Uomini e Donne: Selvaggia Lucarelli attacca Maria De Filippi

Proprio in merito a questo un seguace della Lucarelli ha voluto dare alla donna uno spunto di riflessione, raccontando quando è stato il momento in cui si è reso conto che, piano, piano, si sta tornando alla vita di prima. 

Selvaggia Lucarelli: divertente battuta di un followers

233b26b3c3446f17433e4f458c151ba9

Di recente Selvaggia Lucarelli, che sui social vanta un enorme seguito, ha mostrato ai suoi followers un messaggio che le è arrivato in queste ore nei DM di Instagram.

“Ho capito che la normalità sta tornado quando al TG hanno passato un servizio in cui si diceva che era l’estate più calda degli ultimi 300 anni, intervistavano le persone per strada chiedendo cosa ne pensassero e loro rispondevano che l’afa era brutta, e intanto leccavano il gelato”.

si legge nello screenshot posato dalla donna, che continua palando della chiusura del servizio, in cui c’è “l’immancabile uccellino” che beve nella fontana.

Che ne pensate, siete d’accordo? Non è forse questa la “normalità”?

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica