Selvaggia Lucarelli: puntata speciale del suo podcast

04/05/2021

Oggi è uscita l’ultima puntata del podcast “Proprio a me” di Selvaggia Lucarelli, che racconta delle dipendenze affettive e di come possano spingere ciascuno di noi nel baratro. Si tratta di un episodio speciale e toccante, che spiega l’origine di questo fenomeno, purtroppo ancora oggi sottovalutato. 

selvaggia-lucarelli-giudice-ballando-con-le-stelle

Da qualche settimana Selvaggia Lucarelli, insieme a Chora Media, ha dato vita ad un podcast in cui racconta cosa sono le dipendenze affettive e come vanno riconosciute, senza confonderle con l’amore.

Nelle puntate disponibili su Spotify sono state racconta le storie di donne (e uomini) che sono finiti incastrati in una relazione tossica.

Le scorse settimane abbiamo ascoltato le storie di Federica, Rita, Max e altri ma oggi a parlare è stata la psicologa Ameya Gabriella Canovi, che ha dato la sua lettura delle tante storie raccontate, parlando dell’origine delle dipendenze affettive, che possono manifestarsi in tante diverse sfumature.


Leggi anche: Selvaggia Lucarelli: nuova puntata del podcast sulle dipendenze

Selvaggia Lucarelli: puntata conclusiva del podcast sulle dipendenze

Schermata 2021-05-04 alle 14.04.13

“Come si può lavorare per non cadere nelle dipendenze affettive?”

è questo che si è chiesta Selvaggia Lucarelli sotto al suo ultimo post, quello dedicato all’ultima puntata del suo podcast, ed è questo che ha cercato di spiegare nell’ultimo episodio di “Proprio a me” la psicologa Ameya Gabriella Canovi. È stata lei, infatti, ad inquadrare dal punto di vista della psicologia come nasce una dipendenza affettiva. 

“C’è un autore che si chiama Bion, che io amo tantissimo. Lui dice che “Ci si pensa a partire dai pensieri con cui si è pensati”. Quindi se io ti penso, Selvaggia, capace di farti felice, tu comincerai a pensare a te stessa in quei termini. Se tu pensi a tuo figlio in termini di “lui sarà capace di farsi felice”, saprà farsi felice e far felice qualcun altro. Questo processo Bion lo definisce rêverie: io ti sogno capace, e tu lo diventerai pian piano”.

si legge sotto alla foto pubblicata dalla Lucarelli, in cui annuncia l’ultima puntata di Proprio a me, che ha definito una meraviglia, “una commovente, illuminante guida sentimentale per imparare a spostare lo sguardo” e, con un po’ di impegno, riuscire a guarire.

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica