Silvia Romano è stata liberata: ufficiale

09/05/2020

Silvia Romano dopo un anno e mezzo di prigionia è stata finalmente liberata: ad annunciarlo il Premier Giuseppe Conte che ha ringraziato l’intelligence italiana

romano silvia

Silvia Romano è libera. Finalmente la notizia che da oltre un anno e mezzo aspettavamo tutti con trepidante attesa è arrivata.

La volontaria rapita nel novembre 2018 in Kenya, come annunciato dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio è stata tratta in salvo. Strappata ai suoi rapitori.

Secondo fonti di intelligence, l’operazione per liberare la Romano  “è iniziata all’alba questa mattina”, sabato 9 maggio, e ai è conclusa nel migliore dei modi, con la 25enne che finalmente è sana e salva.

Silvia era stata rapita il 20 novembre 2018 da un commando di uomini armati nel villaggio di Chakama, a circa 80 chilometri a ovest di Malindi, in Kenya. “Silvia Romano è stata liberata! Ringrazio le donne e gli uomini dei servizi di intelligence esterna.
Silvia, ti aspettiamo in Italia” sono le parole del nostro presidente del Consiglio.


Leggi anche: Domenica In, annulla videomessaggio: troppe polemiche

Chi è Silvia Romano

9C4403E5-4914-4567-AAA3-B56782695E65

Silvia Romano, 25 anni, è una volontaria della onlus marchigiana Africa Milele che opera nella contea di Kilifi, in Kenya. Originaria di Milano, Silvia si occupava di un progetto con al centro i bambini che vivono in un orfanotrofio in Kenya. Dove sia stata tenuta prigioniera in questo periodo la ragazza ancora non è dato sapere con certezza. E nemmeno con chi sia stata. Secondo la Procura di Roma e i carabinieri del Ros, la Romano sarebbe stata portata in Somalia subito dopo il rapimento e li tenuta ostaggio da un gruppo vicino al gruppo jihadista Al-Shabaab, affiliato ad al-Qaeda. La giovane donna sarebbe poi semore stata considerata un “ostaggio politico“.

Le parole di Silvia e del suo papà

1DE9DAE7-C8BF-4995-9013-AB2F08865E63

Sono stata forte e ho resistito. Sto bene e non vedo l’ora di ritornare in Italia“, sono state le sue parole, alle quali sono seguite quelle del suo papà che in quest’ultimo anno e mezzo ha vissuto con il fiato sospeso e l’angoscia di non rivedere più la sua bambina: “Lasciatemi respirare, devo reggere l’urto. Finché non sento la voce di mia figlia per me non è vero al 100%. Devo ancora realizzare, mi lasci ricevere la notizia ufficialmente da uno dei mie referenti” ha detto all’Ansa Enzo Romani. Ancora incredulo, l’uomo non sta più nella pelle. Domani potrà riabbracciare finalmente la sua Silvia, che in mattinata atterrerà in Italia.


Potrebbe interessarti: Premier Conte, gaffe clamorosa: uomini nudi sull’account social

Le operazioni per liberare Silvia

Secondo quanto comunicato da fonti ufficiali, le operazioni dell’Aise, dirette dal generale Luciano Carta, sono state condotte insieme ai servizi turchi e somali. A quanto pare, sarebbero scattate la scorsa notte e si sarebbero concluse questa mattina con esito positivo.

 

 

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica