Simona Ventura lo confessa: “Non tornerei mai a L’isola dei famosi”

Jenny Bertoldo
  • Master di scrittura seriale di Fiction
  • Laureata in Filologia moderna
17/02/2023

Quando Simona Ventura conduceva L’isola dei famosi ne sono successe di tutti i colori! La nota conduttrice Mediaset però nelle ultime ore ha rilasciato alcune dichiarazioni alquanto imbarazzanti sulla sua carriera, svelando che mai e poi tornerebbe a L’isola dei famosi.

Simona Ventura lo confessa: “Non tornerei mai a L’isola dei famosi”

Simona Ventura, tra Rai, Mediaset e Sky ha condotto programmi molto diversi fra di loro grazie al suo talento e carisma: l’abbiamo vista a Mai Dire Gol, Matricole e Festivalbar, ma anche al Festival di Sanremo e X Factor. Ma il suo programma di punta è stato senza dubbio L’Isola dei Famosi.

Ma di certo, e non solo perché ora c’è Ilary Blasi, non rivedremo più Simona Ventura al reality show: la conduttrice ha svelato che non rifarebbe più L’Isola dei Famosi. La presentatrice ha quindi spiegato i motivi di questa scelta drastica e ha anche rivelato che in passato le è stato anche chiesto di condurre La Talpa, ma che non fa per lei:

L’Isola? Non tornerei mai a condurre l’Isola dei Famosi. Come mai non la rifarei? Perché l’ho fatta nel momento migliore con le migliori possibilità ma poi è cambiata la televisione fondamentalmente e quindi mi piace di più Citofonare Rai2 o stare al tavolo con Fabio Fazio a Che tempo Che Fa.

Simona Ventura e la carriera in tv: la conduttrice commenta le sue scelte

Simona Ventura lo confessa: “Non tornerei mai a L’isola dei famosi”

Il motivo per cui Simona Ventura ha detto di no a La Talpa è che all’epoca era impegnata con Quelli che è il Calcio. Poi la conduttrice rivela che non tutti sono stati riconoscenti con lei, e che quando poteva ha aiutato qualcuno perché ci credeva. Poi fa i nomi: Belen Rodriguez è sempre stata riconoscente, ma anche Francesca Michielin e Giusy Ferreri. Poi la conduttrice svela:

Ricordo con affetto anche il mio Festival di Sanremo. Era il 2004 e non c’erano cantanti delle case discografiche. Erano quelli della scuola di Mogol o liberi senza contratti. Diciamo che è stato un precursore dei talent, un festival un po’ innovativo. Ci sono state un sacco di prime volte, la prima volta di Roberto Bolle in tv, del Cirque du Soleil e i Black Eyed Peas come ospiti internazionali. Poi c’era Paola Cortellesi, sono stata benissimo.