Spelacchio si accende: assembramento fuori controllo

09/12/2020

L’accensione del tradizionale quanto contestato albero di Natale a piazza Venezia ha creato assembramenti e traffico nel centro della Capitale.

spelacchio

Qualche anno fa un abete piuttosto scarno apparso a piazza Venezia fece guadagnare all’albero di Natale di Roma il nome “Spelacchio” Ieri, però, in occasione dell’Immacolata l’albero di Natale acceso nella Capitale ha generato pareri del tutto diversi.

“Spelacchio all’inizio è stato denigrato ma poi ha cominciato a rinascere e a generare sempre più curiosità fino a diventare amatissimo. E’ la metafora di Roma e della sua rinascita dopo gli attacchi e le prese in giro

ha detto la sindaca Virginia Raggi, durante la cerimonia di accensione del maestoso abete. Nonostante il Comune di Roma non avesse organizzato eventi pubblici per l’accensione dell’albero, però, la piazza era piena di turisti e curiosi. Nessuno voleva mancare all’annuale appuntamento!


Leggi anche: Allergia all’albero di Natale

Spelacchio: traffico e assembramenti per l’accensione dell’albero

Schermata 2020-12-09 alle 13.38.28

Alle 17,45 di ieri, giorno dell’Immacolata, come da tradizione la sindaca di Roma Virginia Raggi ha accesso l’albero di Natale di piazza Venezia, ormai rinominato Spelacchio.

L’evento era programmato per essere in diretta su Youtube, in modo da non creare assembramenti ma alla fine l’accensione dell’abete ha attirato una vasta folla. La polizia, intervenuta per ripristinare l’ordine, ha faticato a far rientrare la situazione e a consentire al traffico di ritornare alla normalità.

Insomma, nonostante le restrizioni imposte nessuno voleva perdersi la trasformazione di Spelacchio. Con le sue 100mila luci a led e 800 palline color rosso, argento, oro intenso e oro chiaro ha lasciato tutti a bocca aperta!

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter