Louis Vuitton: la sfilata uomo autunno/inverno 2021

Per la collezione uomo dell’autunno/inverno 2021-2022 Virgil Abloh ha confermato ancora una volta le sue grandi capacità. Nella sfilata, infatti, il designer ha deciso di approfondire il tema del viaggio, raccontandolo attraverso persone “normali” e puntando a sconfiggere i pregiudizi.

Schermata 2021-01-22 alle 12.19.29

Virgil Abloh l’ha fatto di nuovo. Il designer statunitense, ormai da un paio di anni alla guida della collezione uomo di Louis Vuitton ha dato vita ad un’altra collezione pazzesca.

Nonostante lo scetticismo sulle sfilate senza pubblico, il direttore creativo della maison francese ha dato vita ad una vera e propria performance della durata di 13 minuti e 45 secondi all’interno dell’iconico Paris Tennis Club, in cui è stata allestita quella che sembra la sala di aspetto di un aeroporto, una stazione dove c’è chi arriva, chi attende e chi va.


Leggi anche: Uomini e donne: la sfilata di Antonella, Roberta e Valentina M.

E in effetti la collezione, che prende il titolo di “E B O N I C S”, si snoda intorno al tema del viaggio, da sempre caro alla casa di moda parigina ma anche al designer già fondatore di Off-White.

Fortemente ispirato da “Stranger in the Village”, il saggio di James Baldwin del 1953, Virgil ha così creato una serie di pezzi iconici, caratterizzati dalla volontà di reinventare gli archetipi e combattere gli stereotipi. Il tutto raccontato in un fashion film che su Youtube ha già raccolto un milione di visualizzazioni.

Louis Vuitton: la nuova collezione

Schermata 2021-01-22 alle 12.37.48

Sin dal suo debutto alla guida della casa di moda Virgil Abloh ha voluto approfondire i temi più distintivi della maison e, tra questi, ha fatto suo quello del viaggio. Come suggeriva l’invito fatto arrivare agli ospiti (virtuali) della sfilata anche stavolta il designer ha voluto far nascere la collezione intorno all’idea di spostarsi in giro per il mondo.

Schermata 2021-01-22 alle 12.33.36

Nonostante i tempi che corrono (o forse proprio per quelli) Virgil ha dato vita ad una sorta di cortometraggio concettuale in cui ha presentato una collezione che racconta del viaggio di un uomo che parte dalle montagne innevate della Svizzera.


Potrebbe interessarti: Chiara Ferragni: nuovo volto di Louis Vuitton

È il rapper Saul Williams ad aprire lo show, con un cappotto con bottoni a forma di aereo, un cappello e un bauletto con monogramma cromato.

07-louis-vuitton-sfilata-fw21-look-1611304227

Tra completi argentati, blazer e materiali innovativi come il PVC trasparente Abloh ha cercato di trasmettere il concetto di “nuova normalità”, partendo da figure di uomini “stereotipate” come l’artista, il venditore, l’architetto e il vagabondo e contrastando l’idea e i giudizi che ciascuno può farsi sull’altro a prima vista, a partire dal modo di vestire.

Schermata 2021-01-22 alle 12.33.57

“YOU CAN TELL A BOOK BY ITS COVER”, si legge infatti sugli accessori e sui gioielli. Insomma, la collezione di cui non sapevamo di avere bisogno, in cui le parole d’ordine sono alta sartoria, streetwear e genderfluid.

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica