Amici: l’elogio di Beppe Vessicchio

Il direttore d’orchestra Beppe Vessicchio ha espresso il suo sincero affetto per il talent show di Maria De Filippi, definendolo “una conquista straordinaria per la musica”. 

Beppe Vessicchio

Il direttore d’orchestra Beppe Vessicchio, recentemente intervistato da Superguidatv, ha elogiato il programma televisivo di Maria De Filippi, di cui per anni ha fatto parte. Vessicchio ha parlato della trasformazione dell’ex show televisivo Saranno famosi nell’attuale Amici, esperienza da lui direttamente vissuta:

Ho vissuto il passaggio da Saranno Famosi a Amici. In quegli anni c’era l’idea che la didattica potesse essere di supporto alla crescita artistica di un ragazzo. Sono stato felice di sapere che alcuni giovani abbiano imparato in quell’occasione il linguaggio musicale e abbiano deciso di proseguire diplomandosi al Conservatorio. Questa è stata una conquista straordinaria perchè oggi ci sono tanti artisti che passano sul palcoscenico ma che poi diventano meteore.


Leggi anche: Maria De Filippi: Amici sbarca su Amazon Prime

In attesa della ventunesima edizione di Amici il direttore d’orchestra Beppe Vessicchio elogia il talent show di Amici, fonte di crescita e opportunità per i giovani

Screenshot-707

Manca pochissimo ormai alla ventunesima edizione del talent show di Canale 5 Amici di Maria De Filippi, la cui messa in onda è attesa per il prossima 18 settembre. Nel frattempo Beppe Vessicchio si è espresso riguardo la sua esperienza ad Amici:

Mi farebbe piacere essere di aiuto ai ragazzi ma non so se i talent possano aver bisogno di una figura di questo tipo. I tempi televisivi spesso sono stretti e non consentono di esercitare al meglio la funzione di docente. Quando ero ad Amici avevo una frequenza giornaliera con i ragazzi. In quel caso ho potuto appurare quanto l’immersione continua produca risultati dal punto di vista didattico.

Per il direttore d’orchestra lo spazio di Amici rappresenta una grandissima opportunità di crescita artistica per i giovani. Vessicchio da qualche anno è ormai un volto noto del Festival di Sanremo. Riguardo la vittoria dei Maneskin, Vessicchio ha espresso il suo pieno appoggio.

La giovane band romana ha dimostrato il valore del far musica insieme, tornando agli strumenti tradizionali in un mondo sempre più rivolto all’elettronica. Per Beppe Vessicchio non c’è dubbio: questi insegnamenti importanti lasceranno il segno nel panorama contemporaneo della musica italiana.