Camilla, moglie di Carlo d’Inghilterra, contro gli abusi domestici

08/09/2020

La duchessa di Cornovaglia Camilla, moglie del principe Carlo, ha scritto al “Guardian” una lettera per denunciare l’aumento di vittime di violenze domestiche durante il lockdown. La duchessa è patrono dell’associazione benefica SafeLives, impegnata ad aiutare chi subisce soprusi dentro casa. 

camilla2-getty-1217

Camilla Parker Bowles scende in campo contro gli abusi domestici. Una situazione preoccupante che si è aggravata durante il lockdown.

Camilla sugli abusi domestici: situazione allarmante

camilla-parker-bowles-emotional-visit-t

Con un articolo sul “Guardian“, la duchessa di Cornovaglia, moglie dell’erede al trono di Gran Bretagna, il principe Carlo, esorta chiunque abbia un parente o un amico che soffre di violenze tra le mura di casa a entrare in contatto con la vittima e ad aiutarla, perché durante le restrizioni imposte per il Covid 19 è più difficile rivolgersi ai normali canali per ricevere assistenza.

Nella sua lettera al quotidiano inglese la duchessa di Cornovaglia fa riferimento ad “allarmanti statistiche” sull’aumento degli abusi domestici da marzo ad oggi, incrementate del 20 per cento a livello globale secondo alcune indagini. Più di un terzo dei servizi sociali britannici ha registrato un aumento nelle richieste di aiuto per questo genere di violenze negli ultimi sei mesi.


Leggi anche: The Crown 4, fan furiosi contro Camilla

Ecco quello che ha scritto la duchessa sul quotidiano londinese, notoriamente antimonarchico, che tuttavia ha ospitato il suo intervento su una simile tematica:

“Sei mesi or sono, il nostro Paese è entrato in lockdown. Per molti è stato l’inizio di una solidarietà tra vicini di casa e all’interno delle stesse famiglie. Ma per alcuni sono stati gli abusi, invece dei buoni sentimenti, a manifestarsi fra le mura domestiche”.

Camilla sostiene le vittime di abusi domestici

Camilla-Parker-Bowles-5

Camilla sottolinea che due terzi delle vittime dicono di non essere state in grado di chiedere assistenza per paura di ripercussioni da parte del proprio partner o per i limiti negli spostamenti imposti dal lockdown.

Tra i suoi doveri istituzionali rientra anche quello di patrono di SafeLives, un’associazione di beneficenza che si occupa di abusi domestici. Negli ultimi mesi la moglie di Carlo, in virtù del suo ruolo, è venuta a conoscenza di diversi casi preoccupanti.

Una donna le ha scritto:

“L’abuso verbale ed emozionale cresce man mano che si prolunga l’isolamento e temo di non riuscire a sopravvivere mentalmente a tutto questo”.

Per questo Camilla si rivolge ai lettori chiedendo l’intervento di chiunque venga a conoscenza di casi simili, allo scopo di dare un aiuto concreto, sostenere le vittime o dare l’allarme ai servizi sociali. Ed esprime la sua gratitudine al “Guardian” sottolineando l’importanza dei media nella sensibilizzazione dell’opinione pubblica anche su tematiche così delicate.


Potrebbe interessarti: Chiara Ferragni in lacrime e sconvolta su Instagram: “Gli abusi…”

Cristina Damante
  • Autrice
  • Esperta in: Gossip, Serie Tv e Reali d'Inghilterra
  • Laureata in Scienze della Comunicazione
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica