Tokyo 2020: Simone Biles è medaglia di bronzo

03/08/2021

La ginnasta statunitense ha conquistato una medaglia di bronzo nella trave. Dopo il ritiro dalle competizioni olimpiche, a squadre e individuali, la star della ginnastica torna a gareggiare e si piazza immediatamente in terza posizione.

simonebiles

Simone Biles torna a gareggiare a Tokyo 2020 e conquista alla trave una medaglia di bronzo. La ginnasta statunitense, protagonista indiscussa a Rio 2016 con sei medaglie, aveva deciso negli scorsi giorni di ritirarsi dalle gare a squadra e individuali, ma ha deciso di restare per l’ultima competizione.

Con questo bronzo Simone Biles conquista la sua settima medaglia olimpica, con un esercizio che le ha fatto conquistare 14000 punti, posizionandola in terza posizione, dietro alle due ginnaste della Cina Chen Chen Guan e Xijing Tang.

Il bronzo conquistato alla trave

Simone Biles è tornata a gareggiare a Tokyo 2020 dopo aver deciso di ritirarsi dalle altre competizioni, a squadre e individuali.

Una gara alla trave che è valsa per la ginnasta statunitense una medaglia di bronzo, con il raggiungimento di 14000 punti che le hanno fatto conquistare il terzo posto, dopo le due ginnaste cinesi ChenChen Guan e Xijing Tang, rispettivamente medaglia d’oro e medaglia d’argento.

Una performance che non ha fatto trionfare su tutte le avversarie la star mondiale della ginnastica, ma che ha simboleggiato un nuovo inizio positivo dopo il ritiro dell’atleta per dedicarsi alla propria salute mentale.

Simone Biles e il suo ritiro dalle competizioni

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Simone Biles (@simonebiles)

Il bronzo di oggi di Simone Biles viene dopo il suo ritiro dalle gare di Tokyo 2020 avvenuto la scorsa settimana.

La decisione della ginnasta statunitense era stata presa dopo aver riscontrato problematiche di natura psico-motoria.

Con la sua decisione di ritirarsi dalle gare, preferendo la tutela della propia salute mentale, Simone Biles ha portato alla luce una questione molto importante, ovvero la vulnerabilità psichica degli atleti: “Non siamo solo intrattenimento, siamo umani” ha dichiarato in questi giorni la ginnasta, una delle atlete più importanti al mondo e protagonista indiscussa di questi Giochi Olimpici grazie al suo coraggio di parlare apertamente di un tema ancora troppo spesso considerato tabù.


Potrebbe interessarti: La casa di carta: chi è Tokyo (Úrsula Corberó), carriera e vita privata

Giulia Marinangeli
Suggerisci una modifica