Tommaso Zorzi: pungente ironia sui complottisti

28/07/2021

Non è la prima volta che Tommaso Zorzi attacca chi diffonde sui social le fake news. Oggi il conduttore de Il Punto Z ha parlato di come il problema sia particolarmente diffuso su Facebook, piattaforma social nella quale il complottismo si è sviluppato maggiormente.

C-15-articolo-1466-upiFoto

Già da ieri Tommaso Zorzi ha affrontato un grande problema che affligge i social e che spesso arriva, non raramente, fino all’interno del Parlamento: la diffusione delle fake news.

Oggi il conduttore de Il Punto Z ha parlato di come Facebook sia il luogo virtuale in cui, più di ogni altra piattaforma, i complottisti hanno modo di mettere in circolo e di fruire del maggior numero di informazioni false, soprattutto per quanto riguarda il vaccino contro il covid19.

Tommaso Zorzi e la rubrica sulle fake news

21:00 – Tommaso Zorzi contro i complottisti di Facebook

Oggi pomeriggio Tommaso Zorzi ha raccontato come entrando su Facebook abbia avuto modo di trovare una quantità innumerevole di utenti complottisti che negano l’efficacia del vaccino contro il covid19 e che oltretutto ne inventano i fini della somministrazione.


Leggi anche: GF Vip, Tommaso Zorzi: spunta un altro flirt

Tommaso Zorzi ironizza, amareggiato, sullo sconvolgente fenomeno dei No Vax che sui social, e in particolare su Facebook, contribuisce alla diffusione di pericolose fake news:

“Mi sto facendo un giro su Facebook, che praticamente è una specie di riserva naturale dei complottisti, dove riesci a osservarli nel loro habitat naturale senza che loro si accorgano di te, e voglio istituire una nuova rubrica mi sa, anzi sono sicuro, a partire da adesso, che si chiamerà “È vero, l’ho letto su Facebook“.”

I post assurdi trovati da Tommaso Zorzi

Nelle sue Instagram stories Tommaso Zorzi riporta i post di alcuni utenti che parlano di vaccini senza alcun tipo di preparazione in materia e diffondendo informazioni al riguardo talmente assurde da essere evidente che non ci sia alcun fondamento reale e credibile.

Per questo motivo il conduttore de Il Punto Z è incredulo difronte ai contenuti totalmente inventati che vengono diffusi sui social e che contribuiscono alla diffusione di pericolose fake news.

Già da ieri infatti, Tommaso Zorzi aveva parlato nelle sue stories della gravità di questo fenomeno che talvolta viene sfruttato anche in politica per sbilanciare l’opinione pubblica su tematiche troppo importanti per essere affrontate sulla base di informazioni prive di fondamento.

Giulia Marinangeli
Suggerisci una modifica