Allergie ai pollini nei bambini: sintomi e cure

Arianna Preciballe
Esperta di: Gossip, Moda e Design

Il sopraggiungere della primavera, per molti bambini, coincide con l’arrivo dell’allergia ai pollini, una condizione che si manifesta con prurito nasale, starnuti, lacrimazione oculare e crisi di tosse. I pollini di graminacee, alberi, piante erbacee e composite sono tra gli allergeni più comuni. Ma come si può curare tale patologia o, almeno, prevenirla?

Allergie ai pollini nei bambini: sintomi e cure FINIRE

L’allergia non è nient’altro che una reazione eccessiva del sistema immunitario a sostanze del tutto innocue che, per una sorta di errore di valutazione, vengono percepite come una minaccia per l’organismo, con conseguente liberazione dell’istamina.

Con l’arrivo della primavera è molto comune soffrirne, sopratutto per i più piccoli. Per accertarsi che il bambino soffra di allergia ai pollini è bene allora eseguire il test cutaneo, anche detto prick test, che permette di individuare con precisione gli agenti responsabili della reazione allergica.

Viene effettuato posizionando sulla cute dell’avambraccio una goccia di vari estratti allergenici, e scalfendo la pelle con una lancetta sterile.

Dopo qualche minuto è già possibile valutare il risultato della prova allergologica. Se la cute, infatti, in corrispondenza di un determinato estratto allergenico presenta un ponfo simile a quello causato dalla puntura di una zanzara, vuol dire che il bambino risulta positivo.

Cura dei sintomi dell’allergia ai pollini

Allergie ai pollini nei bambini: sintomi e cure FINIRE

Per alleviare i sintomi tipici dell’allergia ai pollini, generalmente, viene prescritto uno spray decongestionante per il naso, o di colliri congiutivali. Nei casi più gravi si può ricorrere anche ad una terapia a base di antistaminici da assumere per via orale.

Per limitare i fastidi provocati dai pollini è bene evitare la frequentazioni di campeggi e zone verdi più in generale, preferire le località marine a quelle di montagna, chiudere le finestre al calare del giorno, quando la densità dei pollini è massima. Fiori, piante e alberi da frutto, infatti, possono risultare davvero fastidiosi.